Milano, da Spazio Aperto Servizi e Cesvi servizi per over 65

Lme

Milano, 13 mar. (askanews) - Spazio Aperto Servizi, con il sostegno di Cesvi, lancia in occasione dell'emergenza Coronavirus il progetto "Veniamo noi da te", aderendo all'iniziativa Milano Aiuta promossa dal Comune di Milano. Il progetto riguarda interventi domiciliari rivolti alla popolazione anziana sul territorio del capoluogo ambrosiano - nello specifico l'area d'intervento è il Municipio 6 - e prevede l'attivazione di un team di operatori presenti in quel territorio.

Il team di operatori si raccorderà con la task force del Comune di Milano e con il Municipio stesso e si occuperà in particolare di curare la consegna della spesa a domicilio, il disbrigo delle commissioni legate all'acquisto di farmaci, il pagamento di utenze e commesse e - aspetto alquanto importante in occasione di questa emergenza che impone la permanenza obbligatoria in casa, in particolare per le persone anziane - l'ascolto telefonico delle persone in stato di bisogno oltre che un costante monitoraggio dello stato di salute e della vita quotidiana.

Grazie alla partnership con Cesvi, Spazio Aperto Servizi garantirà in particolare questi servizi alla popolazione anziana del Municipio 6, zona caratterizzata da un alto numero di anziani (22,4% della popolazione esistente), considerando prioritariamente le condizioni di particolare fragilità.

Ulteriore obiettivo per Spazio Aperto Servizi e Cesvi è l'estensione dell'iniziativa ad altre aree della città.

"Siamo grati a Cesvi per il supporto fornito in un momento così difficile che richiede il potenziamento dei sostegni al domicilio", evidenzia Maria Grazia Campese Presidente di Spazio Aperto Servizi. "È uno dei tasselli di un progetto più ampio che speriamo possa sostenere tutte le aree più critiche di Milano. Per noi è importante in questo periodo non solo l'aiuto pratico ma l'ascolto e la vicinanza. Stiamo parlando di persone spesso sole o con parenti che abitano fuori dalla città. Una voce amica, che si interessi alla loro condizione e' un grande sostegno in una quotidianità difficile che li rende ancora più vulnerabili. Possiamo mettere in campo gesti utili che li facciano sentire meno soli", conclude Campese.

"Cesvi opera da sempre nelle più gravi emergenze umanitarie del mondo - ha spiegato - la presidente Cesvi Gloria Zavatta - ora a trovarsi in una seria situazione di emergenza è l'Italia e, in particolare la Lombardia, che conta il maggior numero di contagi. Coordinandoci con le istituzioni locali e con altre realtà territoriali ci siamo subito messi in campo per dare una mano, mettendo a disposizione le nostre competenze nella gestione delle situazioni critiche e avviando subito progetti per la fascia più debole della popolazione: le persone over 65 anni».