Milano, dal 26 aprile riaprono Gallerie d’Italia di Piazza Scala

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 apr. (askanews) - Le Gallerie d'Italia di piazza Scala, museo di Intesa Sanpaolo a Milano, riapriranno al pubblico da lunedì 26 aprile 2021, con la Lombardia in fascia gialla. La prenotazione durante i giorni feriali è consigliata, mentre è obbligatoria il sabato e nei giorni festivi attraverso il sito www.gallerieditalia.com. Le visite si svolgono secondo le misure previste, tra cui ingressi scaglionati e contingentati e la misurazione della temperatura con termoscanner.

"Siamo lieti di poter finalmente annunciare la riapertura delle Gallerie di Piazza Scala e della mostra Tiepolo - ha commentato Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo - che consentirà al pubblico di tornare ad ammirare la stupefacente pittura di uno dei maggiori maestri dell'arte italiana. Lo scorso autunno, nonostante l'evolversi incerto della pandemia, non abbiamo rinunciato ad allestire questa straordinaria esposizione, perché abbiamo ritenuto importante dare un messaggio di fiducia per il futuro, facendo leva sull'identità culturale e sulla ricchezza del patrimonio artistico del nostro Paese. L'opportunità che da oggi è nuovamente offerta di frequentare i nostri musei e le preziose collezioni d'arte premia il perseverante impegno di Intesa Sanpaolo nel sostenere la cultura e i valori che essa esprime. Merita di essere sottolineato il fatto che i risultati del lavoro di ricerca svolto in occasione della mostra su Tiepolo, e le novità che ne sono emerse, consegnano al mondo degli studi importanti approfondimenti sull'opera del grande pittore".

Prorogata fino al 2 maggio 2021, la grande mostra "Tiepolo. Venezia, Milano, l'Europa", a cura di Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti, dedicata allo straordinario interprete del Settecento nei 250 anni dalla sua scomparsa. La mostra ripercorre le tappe essenziali dell'affermazione internazionale del Tiepolo, dagli anni della sua formazione a Venezia fino alla consacrazione presso le grandi corti europee, attraverso capolavori straordinarie ricostruzioni dettagliatissime.

Riapre anche la mostra Ma noi ricostruiremo. La Milano bombardata del 1943 nell'Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo, a cura di Mario Calabresi, prorogata fino al 16 maggio 2021. Immagini emblematiche della vita della città, ritratte dai fotografi dell'agenzia fotografica Publifoto nella devastazione della seconda guerra mondiale, sono messe a confronto con gli stessi luoghi immortalati durante il lockdown della primavera 2020 dal fotografo torinese Daniele Ratti.

Nel Chiostro del museo, prorogata fino al 6 giugno 2021 anche l'esposizione Carlo Mari. Io Milano. Aprile 2020. La città vista dai Carabinieri attraverso l'occhio di un fotografo: 47 gigantografie in bianco e nero testimoniano la Milano 'sospesa' durante il lockdown dovuto alla pandemia nell'aprile 2020. Una città immersa nel silenzio, come mai si era vista prima, attraverso gli occhi dei Carabinieri, presenza discreta e rassicurante, che hanno accompagnato Milano in questo momento di difficoltà e dolore e ne hanno colto la desolazione ma anche la sua surreale bellezza.