Milano, dal 27 aprile la riapertura di mostre e musei civici

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 apr. (askanews) - Da martedì 27 aprile riaprono le collezioni permanenti dei musei civici di Milano, con il rispetto di tutte le regole di sicurezza: Musei del Castello, Casa Boschi Di Stefano, GAM, Acquario civico, Museo el Risorgimento, Museo archeologico, Palazzo Morando, Museo del Novecento e Museo di Storia naturale, con il riallestimento di due piani del Museo del Novecento e quello della sezione mineralogia del Museo di Storia naturale. LO ha annunciato in una conferenza stampa digitale l'assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno.

Riaprono il 27 aprile anche le mostre temporanee che erano già aperte: a Palazzo Reale Divine avanguardie fino al 12 settembre, e Margaret Bourke-White fino a fine agosto. Al PAC fino a settembre la mostra Luisa Lambri, mentre al Museo del Novecento sarà aperta fino al 27 giugno la mostra su Carla Accardi e per tutta l'estate l'approfondimento su Franco Guerzoni. Al Castello Sforzesco la mostra su Raffaello e Giuseppe Bossi resterà aperta fino al 30 maggio.

Oltre alle riaperture - ha aggiunto Del Corno - ci sono anche vere e proprie aperture ex novo, che il Comune prevede sempre per il 27 aprile. Su tutte "Le signore dell'arte" a Palazzo Reale sulle artiste donne tra Cinquecento e Seicento, ma anche esposizioni a Palazzo Morando, all'Acquario civico, allo Studio Museo Francesco Messina e alla Casa della Memoria.

Dal 1 maggio aprono i due grandi progetti del MUDEC: quello dedicato ai Robot e quello dedicato a Tina Modotti. Nel pieno dell'estate poi Del Corno ha annunciato due nuovi grandi progetti espositivi: "Il corpo e l'anima, da Donatello e Michelangelo", per il Castello Sforzesco, realizzata insieme al Louvre di Parigi, che aprirà il 21 luglio. E poi, dal 23 luglio questa volta, al Museo del Novecento si aprirà la mostra su Mario Sironi.