A Milano debutta il cambio di residenza on line

red-fcz

Milano, 17 set. (askanews) - A Milano da oggi è possibile richiedere il cambio di residenza da pc o smartphone. Sul portale del Comune è infatti disponibile un nuovo servizio che consente di inoltrare la richiesta di cambio residenza direttamente online. Basta accedere alla sezione "Residenza", scegliere tra le opzioni "Residenza cittadini italiani" o "Residenza cittadini stranieri" e, dopo una breve registrazione, seguire le istruzioni per la compilazione di una scheda con tutte le informazioni e la documentazione necessaria.

"E' una procedura chiara e semplice che permette ai cittadini di inviare tutta la documentazione senza la necessità di recarsi allo sportello", spiega l'assessora alla Trasformazione digitale e Servizi Civici Roberta Cocco, che aggiunge: "Abbiamo testato il sistema per qualche giorno e ne abbiamo subito evidenziato i benefici, per gli uffici e per i cittadini. Grazie a campi chiusi e obbligatori il rischio di pratiche irricevibili per errori o mancanza di documentazione è sceso drasticamente, insieme ai tempi di risposta. Con la procedura via mail o allo sportello il tempo di lavorazione ed evasione pratiche medio era di circa due settimane mentre, grazie alla compilazione online, una pratica di cambio residenza da un altro Comune italiano viene gestita e conclusa entro tre giorni lavorativi". Tra i servizi a disposizione, il cambio di residenza per trasferimento da altro Comune o dall'estero (per stranieri), cambio di indirizzo nell'ambito del Comune di Milano, iscrizione all'anagrafe di Milano per cittadini italiani provenienti dall'estero e iscritti all'Anagrafe Italiani Residenti all'Estero e trasferimento di minore e trasferimento di residenza all'estero per cittadini italiani. Al termine della procedura i cittadini riceveranno una mail con la comunicazione della presa in carico della pratica da parte degli uffici anagrafici.

Nel caso di richiesta di trasferimento da altro Comune italiano o all'estero una seconda comunicazione avvertirà i cittadini dell'avvio ufficiale del procedimento al seguito del quale, grazie al silenzio assenso, la richiesta si intenderà automaticamente accolta. A dieci giorni dall'introduzione del servizio sono già state inoltrate 742 domande di cui 483 evase con esito positivo.