Milano, Delpini apre settimana di preghiera per unità cristiani

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 gen. (askanews) - Lunedì 18 gennaio, alle ore 18:45, l'arcivescovo di Milano, Mario Delpini, darà avvio alla Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, partecipando con il vescovo vicario della Diocesi ortodossa romena d'Italia, Atanasie di Bogdania, alla celebrazione ecumenica di apertura nella Chiesa dei SS. Apostoli e Nazaro (piazza Nazaro 5 Milano). Ispirata al versetto del Vangelo di San Giovanni "Rimanete nel mio nome, produrrete molto frutto", la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, proseguirà fino al 25 gennaio. Il programma, preparato dal Consiglio delle Chiese cristiane di Milano, dall'Ufficio Ecumenismo e Dialogo della Diocesi e dalle sette zone pastorali, prevede otto appuntamenti ecumenici a Milano e 14 fuori città.

Per effetto delle migrazioni il numero delle confessioni cristiane presenti nella Diocesi di Milano è andato aumentando negli ultimi anni. Attualmente sono 33 le parrocchie delle varie giurisdizioni ortodosse, 21 le sale di preghiera anglicane e protestanti frequentate da fedeli di molte nazionalità, 20 le comunità antico orientali. Circa la metà di tutte queste comunità vive le proprie celebrazioni in chiese concesse in uso dalla Diocesi di Milano, in segno tangibile di ospitalità ecumenica. Dal 1998 le diverse confessioni hanno dato vita al Consiglio delle Chiese Cristiane di Milano, presieduto attualmente dall'archimandrita ortodosso Teofilatto Vitsos.

A Milano, dopo l'evento di apertura, martedì 19, alle ore 18.30 nella Chiesa ortodossa copta di San Marco (via Senato, 4) si celebrerà, tra l'altro, il Vespro copto. Lunedì 25 gennaio alle 21 sarà trasmessa infine da Telepace, Chiesa Tv (canale 195 del digitale terrestre) e www.chiesadimilano.it la preghiera ecumenica conclusiva cantata da sei cori composti da giovani di varie confessioni cristiane: cattolici, ortodossi russi, romeni e georgiani, copti egiziani ed eritrei.