Milano, due stazioni M2 diventano palco per musicisti e cantanti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 apr. (askanews) - Le stazioni Garibaldi e Loreto della metropolitana verde diventano set musicali dove band, artisti emergenti e cantanti potranno esibirsi gratuitamente in concerti dal vivo e intrattenere così i passeggeri in movimento. Lo prevede l'iniziativa Sound Underground, promossa da Atm in collaborazione con Open Stage per offrire spazi definiti e autorizzati come un piccolo palco per dare la possibilità a tutte le persone di esprimere la propria arte. Le esibizioni, nell'area interna ai tornelli delle due stazioni, cominceranno il 17 maggio. Sono in programma tutti i giorni, dalle 15 alle 17 e dalle 19 alle 21, distribuite su quattro slot da un'ora.

Il progetto imita ciò che avviene già in altre città del mondo e punta a far vivere la metropolitana come luogo di opportunità, intrattenimento. Per potersi esibire in metropolitana è indispensabile effettuare la prenotazione sull'app Open Stage, disponibile già da oggi su tutti i dispositivi Android e iOS. Sul palco di Sound Underground sarà presente un totem altamente tecnologico con all'interno un mixer e un diffusore audio, attivabile solo tramite il codice Bluetooth ricevuto sul proprio smartphone, che gli artisti potranno utilizzare per collegare i loro strumenti musicali.

Cantanti e musicisti potranno esibirsi solo dopo aver prenotato la postazione, il giorno e la fascia oraria tramite l'app e avere ricevuto la successiva approvazione dall'amministratore di sistema. Tutti i passeggeri avranno la possibilità di assistere e di scaricare l'app Open Stage per scoprire il calendario delle esibizioni in programma. Chiunque voglia sostenere il performer e i gruppi può fare una libera donazione direttamente dall'app.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli