Milano, due operai morti in deposito di azoto dell'Humanitas

·1 minuto per la lettura

Due operai sono stati trovati senza vita in un deposito di azoto all'interno dell'Università Humanitas, a Pieve Emanuele (Milano), in via Levi Montalcini. J.S, 42 anni, e E.Z., 46 anni, un italiano e un indiano, sarebbero morti per intossicazione. All'accertamento delle cause dell’incidente sul lavoro sta lavorando la squadra ad hoc della procura di Milano, coordinata dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano. L’ipotesi di reato nell'inchiesta aperta dalla procura è omicidio colposo a carico di ignoti.

I carabinieri con Ats di Milano stanno ricostruendo la dinamica dell'infortunio mortale e verificando la corretta applicazione delle misure di sicurezza. Gli operai della Sol Group spa con sede a Monza, secondo i primi accertamenti della polizia locale e carabinieri, "mentre stavano ricaricando una cisterna di azoto liquido, usato nei laboratori dell’università e per alimentare l’impianto antincendio, per cause tutt’ora in corso di accertamento, sono stati investiti da una perdita di gas" che non gli ha lasciato scampo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli