Milano e Shanghai celebrano 40 anni di gemellaggio

Red-Asa

Milano, 2 set. (askanews) - Gemellate dal 1979, Milano e Shanghai celebrano quest'anno 40 anni di cooperazione e relazioni economiche, volti allo scambio di programmi e accordi bilaterali per la crescita di turismo, cultura e investimenti commerciali tra le due città più significative per l'Italia e la Cina. Per celebrare questo legame, si è svolto oggi a Palazzo Marino, il Forum "Investment & Business in Shanghai" che ha presentato per la prima volta in Italia il più importante distretto economico di Shanghai, considerato la nuova Manhattan d'Oriente: "Jing' An District". Nel corso del Forum è stata presentata in anteprima la mostra fotografica "Milano-Shanghai Living Cities" che attraverso 40 scatti di Aldo Fallai, noto fotografo per Giorgio Armani, racconterà lo stile di vita delle due città.

"Siamo molto onorati di annunciare oggi l'inizio delle celebrazioni dei 40 anni di gemellaggio con la città di Shanghai, che vedrà un serie di eventi ed attività susseguirsi durante l'intero anno - ha commentato l'assessora comunale alle attività produttive, Cristiba Tajani - . Milano e Shanghai sono legate da una lunga amicizia e rappresentano le realtà più attive dal punto di vista economico e sociale per i nostri due paesi. Milano è il fulcro della moda, del design e della cucina italiana, tutte qualità che rappresentano lo stile di vita nostrano fortemente ricercato e che oggi aiutiamo a portare a Shanghai, nel distretto di Jing' An".

A sancire i 40 anni di amicizia, questa mattina a Palazzo Marino sono stati firmati anche tre accordi di cooperazione, sia con importanti aziende italiane già presenti in Cina sia con nuove imprese pronte a sbarcarvi, con l'intento di supportarne la crescita e l'espansione sul mercato cinese nei settori moda, cucina e gioielleria artigianale. Posizionato al centro di Shanghai e con una popolazione residente di oltre 1 milione di abitanti, pari al Comune di Milano, Jing' An rappresenta oggi il più importante distretto economico di Shanghai, con oltre 6mila aziende straniere che contribuiscono a più del 50% del fatturato dell'intero distretto, esteso su una superficie di 37 km quadrati.