Milano, estradato dal Belgio 38enne per tentato omicidio a Rozzano

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 ott. (askanews) - Nel pomeriggio di ieri, presso l'aeroporto di Linate, i carabinieri della compagnia di Corsico hanno notificato ad un 38enne marocchino, residente in Belgio, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 27 luglio 2017 dall'ufficio Gip del Tribunale di Milano su richiesta della locale Procura della Repubblica (Dr. Luca Gaglio, Sost.), poiché ritenuto responsabile di tentato omicidio doloso e porto abusivo di arma da sparo, a seguito di fatti accaduti a Rozzano (Mi) il 25 settembre 2016.

L'uomo è giunto presso il citato scalo aeroportuale scortato da personale del servizio per la cooperazione internazionale di polizia con un volo proveniente da Bruxelles in esecuzione di un mandato d'arresto europeo emesso il 3 luglio 2021 dall'Ufficio Gip del Tribunale di Milano. Il provvedimento trae origine dalle indagini svolte all'epoca dei fatti dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Corsico e da quelli della Tenenza di Rozzano, che avevano permesso di accertare e documentare, mediante articolate indagini e testimonianze, il coinvolgimento dell'indagato nei gravi fatti accaduti la sera del 25 settembre 2016 all'esterno della discoteca "La dolce vita" di Rozzano.

Quella sera l'uomo, con due soggetti tutt'ora non identificati, si era presentato presso il locale. Erano stati poi esplosi numerosi colpi d'arma da fuoco all'indirizzo di alcuni connazionali per motivi connessi ad un regolamento di conti legato al traffico di cocaina. Per quanto accertato, il commando era giunto in Italia all'esclusivo scopo di regolare i conti con i debitori. Nella circostanza era rimasto ferito, per errore, un buttafuori del locale notturno, un marocchino all'epoca 34enne, che, colpito al volto da uno dei proiettili, aveva riportato una ferita penetrante con frattura mascellare giudicata guaribile in 30 giorni.

Dagli accertamenti effettuati era emerso che l'uomo, in quella circostanza, aveva svolto la funzione di motivatore ed istigatore del complice che aveva materialmente aperto il fuoco, allontanandosi subito dopo il delitto a bordo di un'autovettura. L'uomo, stabilmente residente in Belgio e noto alla polizia belga per soggiorno illegale, furto aggravato, delitti collegati al traffico di stupefacenti, falsificazione e lavoro nero, espletate le formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore e successivamente sconterà la pena in quel Paese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli