Milano, fermati 3 presunti 'Pink Panthers' per rapine gioiellerie

(Adnkronos) - Sono stati fermati a Milano tre presunti 'Pink Panthers', l'organizzazione criminale nota a livello internazionale per la tecnica con cui progetta e mette a segno le rapine a gioiellerie. I tre - un 53enne, un 43enne e un 40enne, tutti di origine montenegrina - il cui fermo è stato convalidato dal gip del Tribunale di Milano, Sonia Mancini, sono ritenuti responsabili di due rapine aggravate e di una tentata rapina a danno di gioiellerie milanesi, avvenute tra il 2019 e il 2022.

Venerdì scorso gli agenti della sezione antirapina della Squadra Mobile, impegnati in un servizio in borghese nel centro di Milano, hanno riconosciuto in due uomini che passavano in bicicletta dei volti noti, immortalati dalle telecamere di videosorveglianza in occasione di alcuni colpi a gioiellerie.

I poliziotti li hanno bloccati all’esterno dello stabile in cui li avevano visti entrare e hanno individuato l’appartamento usato come appoggio: all’interno hanno trovato il terzo presunto membro delle ‘Pink Panthers’ ricercato a livello internazionale per omicidio e detenzione illegale di armi ed esplosivi e destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per una rapina consumata in via Roma, a Genova, il 29 luglio 2017. Un altro dei fermati, invece, è risultato destinatario di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Roma, per un colpo avvenuto nella capitale nel 2012.

All'interno della casa in cui i tre soggiornavano nel centro di Milano, gli agenti hanno trovato due pistole, fedeli riproduzioni di Beretta semiautomatiche, numerosi proiettili a salve, una mazza identica a quella utilizzata per le ‘spaccate’ con il punteruolo in ferro saldato su una estremità e diversi capi d'abbigliamento, corrispondenti a quelli utilizzati per le rapine.

I tre sono ritenuti responsabili di una rapina aggravata avvenuta il 12 gennaio scorso contro la ‘Boutique Crivelli’ di via della Spiga, una contro l’orologeria ‘La bottega del tempo’ di via Cesare Battisti, risalente al 19 ottobre 2019 e di una tentata rapina aggravata, di pochi mesi precedente, contro ‘Schreiber gioielli’ di via Borgospesso.

Proseguono le indagini della Squadra Mobile, coordinate dalla Procura di Milano, per verificare se ai tre, che si sono avvalsi della facoltà di non rispondere davanti al gip, siano riconducibili altre rapine consumate negli ultimi cinque anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli