Milano: fermati con contatti all’estero, aggressori facevano ‘scudo in Piazza Duomo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 12 gen. (Adnkronos) – Si aggiungono dettagli sulle modalità di azione del "branco" che è entrato in azione in piazza Duomo a Milano la notte di Capodanno. Da quanto emerge in procura, le vittime sarebbero state prima avvicinate da un paio di giovani, quindi gli altri componenti del gruppo avrebbero aggredito – a turno – le vittime arrivando alle loro spalle e creando una sorta di muro umano per strapparle indumenti e palpeggiarle nelle parti intime, senza farsi troppo notare da occhi indiscreti.

In un caso gli aggressori hanno "quasi consumato una violenza completa", ma in tutti gli episodi gli inquirenti parlano di "violenza inaudita del branco". Dopo i due fermi di oggi – i ragazzi avevano "contatti all’estero" e si temeva la fuga – gli uomini della polizia sono al lavoro per identificare e indagare altri giovani presenti alle violenze di Capodanno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli