Milano, feste in casa e 5 locali aperti di sera: 68 denunciati

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 gen. (askanews) - Nel corso dell'ultimo fine settimana, i carabinieri hanno sanzionato complessivamente tra Milano e provincia i titolari di cinque esercizi commerciali e 68 persone nell'ambito dei controlli per il rispetto delle norme anti-Covid. Lo ha riferito l'Arma, precisando che nei confronti di quattro di queste attività è stata applicata la chiusura provvisoria di 5 giorni, e sono state inoltre segnalate alla Prefettura per le successive valutazioni di competenza per reiterata violazione della normativa.

Non sono poi mancati gli assembramenti e le feste private, anche a tarda notte ben oltre l'orario del coprifuoco, che hanno portato i militari a controllare 14 persone, sanzionandone due e denunciandone dieci. I controlli erano già scattati intorno alle 18 di giovedì scorso ad Arese (Milano) dove, grazie ad una segnalazione telefonica, i militari avevano identificato e sanzionato 27 giovani di cui 16 minorenni, sorpresi in un box di proprietà del padre di due dei minori presenti, intenti a parlare, giocare a carte e a ping-pong". Nel pomeriggio del giorno seguente, all'esterno del centro commerciale "Il Centro" sempre ad Arese, i carabinieri avevano multati quattro ragazzi tra i 14 e i 17 anni che, in gruppo e senza mascherine, disturbavano gli altri avventori. Fuggiti all'arrivo dei militari, i ragazzi sono stati poi identificati grazie alle immagini della videosorveglianza. Verso le 20 di venerdì scorso, le pattuglie di Legnano e di Busto Garolfo erano intervenute in una birreria-pizzeria di via Turati ad Arconate di proprietà di una coppia di italiani che aveva aderito all'iniziativa "Io apro": qui sono stati sorpresi dieci avventori che bevevano seduti ai tavoli.

Alle 22 di sabato 16 gennaio, i carabinieri hanno scoperto una festa di compleanno in un disco pub in via 1 Maggio a Melzo, con alcune decine di ragazzi di origine albanese e servizio di ristorazione al tavolo. Nonostante il fuggi fuggi i militari sono riusciti a identificare una ventina di persone, tutte residenti in altri comuni, che sono state multate. Sanzionata anche la titolare, una 49enne italiana, e chiuso per 5 giorni il locale. Alle 3 del mattino di domenica, i carabinieri della Compagnia Duomo sono intervenuti in un bar di via Piccinni a Milano dove era in corso una festa privata, con dieci persone che sono state multate per "assembramento in luoghi aperti al pubblico, per non aver indossato i dispositivi di protezione individuale e per non aver rispettato il coprifuoco". Uno è stato anche denunciato perché irregolare sul territorio nazionale. Una quarantina di minuti dopo, sempre a Milano, l'Arma ha effettuato un controllo negli appartamenti di uno stabile di via Garofalo, di proprietà di due fratelli italiani di 22 e 24 anni dove si stava svolgendo una festa privata alla presenza di 10 studenti universitari, maggiorenni che sono stati multati.