Milano, Fi: bivacchi e spaccio in via De Amicis, Comune intervenga

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - Forza Italia ha segnalato con una nota la presenza da alcuni giorni di una tenda su un'aiuola all'altezza del civico 16 di via De Amicis, in pieno centro, abitata da senzatetto, e chiesto al Comune la rimozione. "Stando alle segnalazioni, gli occupanti abusivi sarebbero dediti ad attività di spaccio nelle vicine Colonne di San Lorenzo: più volte i residenti li avrebbero sorpresi a maneggiare strani involti per poi nasconderli dentro alcuni zaini. I cittadini, preoccupati della situazione, hanno segnalato la cosa alle forze dell'ordine ma ad oggi gli abusivi sono ancora lì" ha scritto Gianluca Comazzi, consigliere comunale e capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, in una nota congiunta con il consigliere di Municipio 1 Giampaolo Berni Ferretti.

"A Milano in ambito di sicurezza e degrado siamo in una vera e propria emergenza, in periferia così come in centro, senza distinzioni. Dal Municipio 1 mi è giunta segnalazione che due settimane fa un gruppo di stranieri ha ben pensato di piantare una tenda su un'aiuola del civico 16 di via De Amicis, uno stabile abbandonato" ha aggiunto Comazzi.

"Assieme al consigliere del Municipio 1 Giampaolo Berni Ferretti (Fi) depositeremo oggi un'interrogazione ad hoc per capire se il Comune di Milano intende riqualificare lo stabile abbandonato di via De Amicis 16, oltre a richiedere un intervento delle forze dell'ordine per sfrattare gli abusivi dalla zona. Su questo tema non intendiamo retrocedere di un millimetro. Se vogliamo che Milano torni a essere una città sicura dobbiamo partire dai quartieri e dalle tante situazioni di disagio con cui le persone sono costrette a fare i conti ogni giorno, nell'indifferenza di chi amministra" conclude la nota.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli