Milano, Fi: Pd in periferia? Per orientarsi serivrà Google Maps…

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 feb. (askanews) - "Dopo cinque anni di immobilismo, in prossimità delle elezioni il Pd esce dalla Cerchia dei Bastioni, avventurandosi nei quartieri e nelle periferie: temo che per orientarsi dovranno ricorrere a Google maps o a una cartina". Lo ha detto Gianluca Comazzi, consigliere comunale di Milano e capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale commentando l'iniziativa del Pd Milano.

"Per comprendere i bisogni dei cittadini - ha aggiunto l'azzurro - sarebbe bastato ascoltare il centrodestra a Palazzo Marino in questi dieci lunghi anni: maggiori controlli delle forze dell'ordine nelle strade, contrasto dell'abusivismo, manutenzione del verde pubblico e del tessuto stradale, meno tasse e restrizioni per chi utilizza l'automobile, costretto a districarsi tra Area B, Area C e il taglio selvaggio dei posteggi. Anziché recepire le istanze dei milanesi - ha concluso - la giunta era impegnata a disegnare ciclabili nei luoghi più impensabili e a mettere in circolazione migliaia di monopattini elettrici. Di questi dieci anni di sinistra ci ricorderemo soltanto il degrado, l'insicurezza e le promesse disattese, come la fantomatica riapertura dei navigli".