Milano: figlia Boccassini, dall'incidente alla richiesta di archiviazione per i genitori pm

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 9 set. (Adnkronos) – La sera del 3 ottobre 2018 in viale Monte Nero, a Milano, la figlia dei magistrati milanesi Alberto Nobili e Ilda Boccassini, Alice, investe con il suo scooter il medico Luca Voltolin mentre sta attraversando la strada sulle strisce pedonali. L’uomo cade e batte la testa con violenza. Ricoverato in ospedale in codice giallo, si aggraverà e morirà pochi giorni dopo. Sul luogo dell'incidente interviene la polizia locale e si presenta anche il comandante dei vigili di Milano, Marco Ciacci. Non vengono disposti né l'alcoltest né le analisi per capire se la donna avesse assunto sostanze stupefacenti prima di mettersi alla guida dello scooter.

Nel gennaio 2020 la ragazza, indagata per omicidio stradale, patteggia nove mesi per omicidio colposo, risarcendo i familiari della vittima. Nel novembre scorso la procura di Brescia, competente per i reati commessi dai magistrati in servizio a Milano, indaga per abuso d'ufficio in concorso Ciacci, Nobili e Bocassini.

Un'indagine che riguarda le modalità d'intervento sul luogo dell'incidente e che nasce anche da un esposto dell'ex comandante dei vigili di Milano, Antonio Barbato, oggi candidato per la Lega di Matteo Salvini alle prossime amministrative a Milano e imputato a Milano per frode in pubbliche forniture e falso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli