Milano, Foroni(Lombardia): nessuna imposizione su bonus volumetrie

Red-Asa
·2 minuto per la lettura

Milano, 30 ott. (askanews) - "Ennesimo incomprensibile autogol del comune di Milano che per bocca del suo assessore all'Urbanistica Maran torna ad attaccare la legge sulla rigenerazione urbana della Regione con argomentazioni più da campagna elettorale che da amministratore pubblico". Così l'assessore regionale lombardo al Territorio e alla Protezione civile, Pietro Foroni, in merito alla delibera approvata dalla Giunta comunale milanese che individua le aree che possono essere escluse dall'incremento dell'indice di edificabilità massimo, riducendo quindi l'applicabilità delle misure previste dalla legge Regionale stessa. "Il fatto stesso - ha aggiunto Foroni - che la giunta Sala abbia deciso quali aree urbane escludere dall'applicazione della legge sulla rigenerazione urbana, e abbia potuto intervenire con la più ampia discrezionalità su quanto stabilito dalla Regione, smentisce quanto affermato dallo stesso Maran. Il Comune ha potuto quindi liberamente decidere dove e come la legge regionale avrebbe potuto incidere sulle scelte urbanistiche". "Appare singolare - ha rilevato l'assessore regionale - che Maran attribuisca il calo di entrate previsto dal Comune di Milano a causa della Legge 18/2019 sulla Rigenerazione urbana. La legge sulla rigenerazione, infatti, approvata a fine novembre 2019 ed entrata in vigore a metà dicembre, non è retroattiva, quindi non può applicarsi su presunti introiti del 2020 che avrebbero alla base progetti presentati prima della entrata in vigore della legge. L'assessore comunale poi tace completamente relativamente alla pesante crisi economica indotta dalla pandemia di Covid 19 e dal blocco totale di ogni attività edilizia, e non solo, durante i mesi del lockdown". "Ricordo quindi all'assessore Maran - ha detto Foroni, in conclusione - che Regione Lombardia è pronta a uscire con un bando che stanzia ben 100 milioni di euro proprio sul tema del rigenerazione urbana e destinato a tutti i comuni lombardi, compreso il capoluogo di regione".