Milano: furti e rapine, sei arresti in campo nomadi via Chiesa Rossa

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 3 nov. (Adnkronos) – Sei persone sono state arrestate dalla polizia per una serie di furti e rapine commesse negli ultimi due anni a Milano. Si tratta di cinque uomini e una donna, tutti con precedenti, che vivono nel campo nomadi di via Chiesa Rossa, nel capoluogo lombardo.

La polizia, nelle prime ore della mattinata di ieri, ha dato esecuzione all'ordinanza della custodia cautelare in carcere emessa lo scorso 25 ottobre dal tribunale di Milano su richiesta della locale procura, poiché i sei soggetti sono gravemente indiziati di essere gli autori di almeno otto episodi delittuosi commessi dal 5 ottobre 2020 al 10 ottobre scorso. Le indagini effettuate dal commissariato Scalo Romana della questura di Milano, coordinato dai magistrati del VII dipartimento della procura milanese, sono scattate dopo una rapina impropria compiuta lo scorso 5 ottobre, quando due corrieri di un noto rivenditore di mobili, che avrebbero dovuto incontrare la donna per ricevere il pagamento di alcuni divani scaricati nei pressi del campo, sono stati aggrediti e minacciati da almeno dieci persone che li hanno costretti ad allontanarsi senza incassare il denaro.

Condotte analoghe sono state registrate il 18 febbraio e il 25 febbraio 2021, quando i corrieri di due diverse consegne, dopo essere entrati nel campo, sono stati minacciati e costretti a scaricare i beni da consegnare senza essere pagati. Da ultimo, il 10 ottobre scorso, un privato, dopo essere stato convinto a portare la sua moto messa in vendita su internet, è stato colpito nei pressi del campo da un ragazzo che si era interessato all'acquisto, vedendosi poi sottrarre il mezzo. Nel frattempo, altri episodi molto simili sono stati registrati, anche se l'assenza esplicita di minaccia o violenza ha indotto a qualificarli come furti aggravati dal mezzo fraudolento. Tutti e sei i soggetti sono stati trasferiti al carcere di San Vittore.