A Milano il 'Tram del cuore' per sensibilizzare su scompenso cardiaco

webinfo@adnkronos.com

Lo scompenso cardiaco è una malattia di cui soffrono circa 1 milione di italiani. Per sensibilizzare la popolazione su questo tema, in occasione della Giornata mondiale del cuore Novartis lancia la campagna 'Un calligramma per il cuore', un'iniziativa che racconta attraverso messaggi grafici come prendersi cura del proprio cuore riconoscendone i segnali, facendo attenzione al fattore tempo e adottando un corretto stile di vita.  

Sabato 28 e domenica 29 settembre, un 'Tram del cuore' con a bordo quattro cardiologi percorrerà le vie di Milano per informare sullo scompenso cardiaco. Sul mezzo dell'Atm, allestito con i 'Calligrammi del cuore', gli specialisti forniranno informazioni sulla patologia e sulla corretta prevenzione a tutti i cittadini interessati. 

"Con questa iniziativa abbiamo voluto dare il nostro contributo per reimmaginare la medicina che è un punto centrale della mission di Novartis - afferma Daniela Della Monica, Head Cardio-Renal-Metabolic Franchise Novartis Italia - con l'obiettivo di migliorare e prolungare la vita delle persone. Abbiamo scelto una forma d'arte come il calligramma per sensibilizzare sulle malattie cardiovascolari che, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, sono la prima causa di morte a livello globale. Le tre frasi reinterpretate dal lettering artist Francesco Guerrieri, autore per l'occasione di tre opere d'arte, "ben sintetizzano i modi più importanti di prendersi cura del cuore: riconoscere i segnali, l'urgenza, la qualità di vita". 

"Nel corso della vita - spiega durante la presentazione del 'Tram del cuore' Maria Frigerio, direttore della Struttura complessa di Cardiologia 2 - Insufficienza cardiaca e Trapianto dell'Asst Grande ospedale metropolitano Niguarda di Milano - una persona su cinque è a rischio di sviluppare scompenso cardiaco che è attualmente la causa più comune di ricoveri in ospedale imprevisti per le persone sopra i 65 anni, nonché il principale motivo di riammissioni non pianificate".  

"Si tratta di una malattia cronica severa che progredisce silenziosamente, anche in assenza di sintomi evidenti, esponendo il paziente a un elevato rischio. Oggi - prosegue Frigerio - la cittadinanza non è ancora sensibilizzata sulla patologia (a confronto per esempio con altre come i tumori o l'Alzheimer), inoltre lo scompenso viene considerato come patologia dell'invecchiamento più da prevenire che da curare. E' importante soprattutto l'informazione su questa malattia, affinché la cittadinanza la consideri con le giuste attenzioni". 

"Lo scompenso cardiaco è una sindrome clinica complessa in cui il cuore non è più capace di pompare sangue in misura adeguata alle richieste metaboliche dell'organismo - ricorda durante il viaggio inaugurale del 'Tram del cuore' Marco Guazzi, ordinario di Cardiologia all'università degli Studi di Milano e responsabile dell'Unità di Cardiologia universitaria e dello Scompenso cardiaco dell'Irccs Policlinico San Donato - Questa situazione clinica riconosce diverse cause rappresentate dalla cardiopatia ischemica, dall'ipertensione, dalle valvulopatie, dalle miocardiopatie e miocarditi e dalle patologie congenite del cuore. E' inoltre una patologia cronica che colpisce più spesso gli anziani, i cui sintomi e segnali vengono spesso trascurati, perché erroneamente attribuiti proprio all'invecchiamento fisiologico".  

"Proprio i segnali d'allarme tipici dello scompenso cardiaco, quali ad esempio la mancanza di respiro, l'improvviso aumento di peso o la riduzione della quantità di urine - avverte l'esperto - dovrebbero invece spingere tempestivamente dal medico di famiglia o dallo specialista cardiologo. Oggi, infatti, la gestione sempre più efficace del paziente scompensato prevede un approccio diagnostico e terapeutico di tipo interdisciplinare, che persegua l'obiettivo di migliorare la qualità di vita e di ridurre le ospedalizzazioni. Grazie al progresso delle terapie, noi specialisti abbiamo ora a disposizione farmaci davvero efficaci per il trattamento precoce dello scompenso, ma l'efficacia di un trattamento dipende prima di tutto dall'aderenza alle terapie stesse". 

L'iniziativa coinvolge anche l'Associazione italiana pazienti scompensati (Aisc), da sempre in prima linea per la diffusione di una più ampia informazione in tema di scompenso cardiaco: "Come Associazione nazionale di riferimento per tutti i pazienti scompensati - evidenzia Maria Rosaria Di Somma, consigliere delegato Aisc - siamo fortemente impegnati ad accrescere la consapevolezza su questa patologia e sulla necessità di una diagnosi precoce. Il paziente informato impara a riconoscere i sintomi, è attento alla cura e migliora il dialogo con il proprio medico". 

Queste le attività previste nell'ambito di #UnCalligrammaperilCuore: la possibilità di inviare la propria frase sulla salute del cuore e riceverla successivamente in forma di calligramma, reinterpretata ad arte da un calligrafo professionista (info su www.uncalligrammaperilcuore.it); la possibilità di salire a bordo del 'Tram del cuore' per parlare con i cardiologi a disposizione per informazioni sullo scompenso cardiaco (il 28 e il 29 settembre, dalle 9 alle 12, il tram partirà da Piazza Castello 2 ed effettuerà fermate in via Ponte Vetero 9, via Broletto 3, piazza Fontana 4, via Albricci 7, via Larga 4). Per informazioni sulla malattia è attiva anche la pagina https://www.facebook.com/AscoltailTuoBattitoITA/.