Milano, inaugurata l’Orangerie del Museo Poldi Pezzoli

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 mag. (askanews) - E' stata inaugurata oggi al Museo Poldi Pezzoli di Milano l'Orangerie, una sala polifunzionale di oltre cento metri quadri inserieta all'interno del giardino provado Poldi Pezzoli. "Volevamo uno spazio che restituisse ai visitatori quel desiderio di verde che tutti noi stiamo riscoprendo, tenendo conto dei temi della sostenibilità e del risparmio energetico", ha dichiarato Annalisa Zanni, direttore del Museo. "Milano - ha aggiunto - è famosa per i suoi giardini nascosti, come lo splendido esempio di giardino all'inglese del Museo. Non dimentichiamo che l'attuale via Manzoni era nota ancora al tempo di Gian Giacomo Poldi Pezzoli come corsia del Giardino. Il nostro desiderio è quello di restituire al pubblico attraverso le attività che vi si svolgeranno un contatto con la natura mediante una struttura che dialoghi con l'ambiente circostante".

Con il nuovo spazio è stata restituita non solo la vista del giardino ma anche la visibilità della parte inferiore della facciata interna del Palazzo, finora nascosta. All'interno, decorazioni evocative di quelle in uso tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento.

La nuova Orangerie è stata realizzata grazie al sostegno dell'ingegner Mario Franzini, che da anni sostiene la casa museo. "A Milano le cose belle sono nascoste come i suoi meravigliosi cortili. Questa orangerie mostrerà un altro straordinario giardino poco conosciuto", ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che ha aggiunto: "Quest'anno ricorre il bicentenario dalla nascita di Poldi Pezzoli e questo museo deve diventare una tappa sempre più irrinunciabile per milanesi e turisti".

La nuova struttura, in acciaio e vetro, si presta ad ospitare laboratori, conferenze, attività per tutti i pubblici, oltre a esclusivi eventi privati come aperitivi, cene placée e meeting aziendali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli