Milano, incassava caparra di falsi annunci case vacanze: arrestato

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 feb. (askanews) - Un italiano 23enne è stato arrestato dai carabinieri di Milano, accusato di numerose truffe su internet che gli avrebbero garantito 10mila euro. Il ragazzo, ora a San Vittore, pubblicava sul sito 'subito' un annuncio per la locazione di case vacanza in varie località prestigiose e molto gettonate (Bormio, Alagna, Pinzolo, Madesimo, Alassio e Riccione), inserendo un numero di telefono cellulare intestato ad un prestanome ed una casella di posta elettronica a lui non direttamente riconducibile. Dopo aver convinto la controparte richiedeva una caparra, generalmente metà del totale, interrompendo poi ogni contatto con la vittima.

Sono 23 gli episodi contestati dalla procura di Milano che indaga. Tutti tra ottobre e dicembre del 2018 e tra giugno e agosto 2019, proprio nei periodi di maggiore richiesta di affitto di abitazioni nelle località prescelte, di mare o montagna.

Le indagini hanno permesso di accertare che nessuna delle case era nella disponibilità dell'inserzionista che nascondeva la sua identità alle vittime. Il 23enne è stato individuato grazie all'incrocio dei dati di tutte le denunce; un elemento determinante è arrivato dai 5 conti correnti sui quali erano state versate le caparre che sono tutti intestati a lui. Conti che venivano poi svuotati e proprio in coincidenza di tali operazioni il cellulare intestato al 23enne era nei pressi degli sportelli bancomat dove il prelievo veniva effettuato.

Già nel 2019 il 23enne era stato interrogato dai carabinieri dopo alcune denunce, ma aveva negato dicendo di non essere titolare dei conti correnti e di non aver mai avuto in uso il numero di telefono e gli indirizzi e-mail forniti dalle vittime. Ma dopo gli interrogatori il ragazzo ha continuato le truffe, rendendosi poi irreperibile e spostandosi continuamente sul territorio nazionale proprio al fine di eludere i controlli.