Milano, incendio in una palazzina: 2 morti e diversi intossicati

Milano, incendio in una palazzina: 2 morti e diversi intossicati

Tragedia alle porte di Milano. Un incendio è scoppiato in una palazzina Aler di otto piani a Cernusco sul Naviglio, a nord-est del capoluogo lombardo. 24 le persone coinvolte, due purtroppo sono morte. Avevano 51 e 80 anni. Si tratta di due donne, madre e figlia, che vivevano al terzo piano del palazzo di via Don Luigi Sturzo, al civico 11.

Tra i condomini coinvolti nel rogo, c'è anche un disabile che però non ha avuto bisogno del trasporto in ospedale. Sette persone sono state invece portate al pronto soccorso e risultano ferite o intossicate. La Procura indaga per incendio colposo.

LEGGI ANCHE: Francia, cinque morti in incendio in edificio Strasburgo

Cosa è successo

Le fiamme sono divampate nella mattinata del 27 febbraio, all'interno di un appartamento al terzo piano. Sul posto sono intervenute sette ambulanze, due automediche e un'autoinfermieristica. Accorsi anche i carabinieri e i vigili del fuoco con diverse squadre.

LEGGI ANCHE: Rogo di Milano, Luca e Rosita morti a causa di un monopattino elettrico

Secondo una nota dell'Aler (Azienda lombarda edilizia residenziale, istituto proprietario dell'immobile), l'incendio "si è propagato da un appartamento della scala E, abitata complessivamente da 15 famiglie. All'interno dell'abitazione, dalla quale sono originate le fiamme, risultano abitanti 4 persone". E dopo il rogo "con il sindaco è stata individuata e allestita in caso di necessità una palestra adiacente per garantire la permanenza alle famiglie evacuate".

L’incendio è stato particolarmente violento - spiega il pm di Milano Giovanni Tarzia - Ancora adesso che è stato domato non siamo in grado di dire da dove si è originato. Le fiamme hanno interessato solo l’appartamento, ma saranno i successivi accertamenti tecnici a confermare la stabilità della palazzina”.

Si indaga per incendio colposo

I testimoni non riferiscono di un’esplosione, ma saranno i vigili del fuoco a chiarire le cause dell’incendio, “troppo compromessa la situazione al loro ingresso per tentare un’ipotesi iniziale, le fiamme sono avanzate in modo molto rapido e devastante”.

GUARDA ANCHE - Max Biaggi: “Come brucia una Ferrari? L’ho scoperto oggi”