Milano, Istituto Pizzigoni rilancia progetto TeatroAttivaCultura

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 set. (askanews) - In occasione della riapertura delle scuole, a Milano l'Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni ha annuncia la fase conclusiva del progetto TAC - TeatroAttivaCultura con nuovi spettacoli e incontri volti a promuovere la scuola come luogo di sperimentazione e accoglienza, aperto alla cittadinanza.

Vincitore nel 2019 del bando promosso dal MiBACT "Scuola attiva la cultura" nell'ambito del Piano "Cultura Futuro Urbano", il progetto TAC è stato ideato dagli insegnanti dell'Istituto Pizzigoni con l'obiettivo di trasformare la scuola in un centro di educazione e cultura diffusa, a disposizione della comunità, con una serie di incontri, laboratori, mostre e spettacoli volti a promuovere l'inclusione sociale. Il progetto TAC vede come partner co-finanziatori l'Associazione Europe for All e il Teatro del Buratto di Milano. Tra i sostenitori troviamo le associazioni AGITA, ATIR e Opera Pizzigoni, la cooperativa Comunità Progetto nonché il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e le istituzioni locali grazie al sostegno del Municipio 8 di Milano.

TAC - spiegano dall'istituto milanese - vede la scuola come spazio aperto a tutti, è la scuola oltre la scuola: polo culturale, motore di rinnovamento, luogo di apprendimento condiviso in cui associazioni multiculturali, cittadini, educatori, docenti e alunni lavorano insieme per consolidare la coesione sociale, favorire l'integrazione, educare al senso di comunità. Nonostante l'intermittenza imposta dall'avvento della pandemia, nell'ultimo anno e mezzo l'istituto milanese ha rappresentato un riferimento per il quartiere e la città intera per le numerose iniziative di arte e intrattenimento gratuite realizzate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli