Milano: Lega, 'in moschea viale Jenner abusi e assembramenti'. Elgharabawi, 'falso e grave'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 16 apr. (Adnkronos) – Botta e risposta ad alta tensione tra alcuni esponenti della Lega, tra cui l'europarlamentare Silvia Sardone, e il vice presidente dell'Istituto culturale islamico milanese di viale Jenner, Islam Elgharabawi. Nel primo pomeriggio di oggi un gruppo di militanti del Carroccio ha dato vita a una protesta di fronte al portone della moschea di viale Jenner, accusando la presenza di "abusi e assembramenti" in varie moschee abusive disseminate per il capoluogo lombardo, anche "durante il periodo di zona rossa".

Durante il presidio, durato circa un'ora, la consigliera leghista ha postato anche un video su Facebook nel quale si rivolge al sindaco Giuseppe Sala denunciando la mancanza di controlli da parte della polizia locale ed il mancato rispetto delle norme anti-covid all'interno dei locali dedicati alla preghiera dei musulmani. Il vice-presidente dello storico istituto islamico però non ci sta e, attraverso le pagine del quotidiano online La Luce, precisa: "Il nostro istituto svolge la sua attività socio-culturale in Viale Jenner da decenni, alla luce del sole e le accuse che la Sardone e Bastoni ci rivolgono sono molto gravi e totalmente false".

"Nella nostra sede -spiega Elgharabawi- si svolge la preghiera del venerdì, non è mica un crimine pregare".