Milano: Lega, 'in moschea viale Jenner abusi e assembramenti'. Elgharabawi, 'falso e grave' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La Lega, ricorda il vice presidente dell'istituto islamico "negli anni, ha fatto tutto il possibile per impedire la realizzazione di moschee, e il risultato è che i musulmani non hanno a disposizione luoghi di culto per pregare e noi dobbiamo supplire a questa necessità, quindi il venerdì ospitiamo la preghiera per evitare che la gente preghi per strada".

Quanto alle accuse di assembramenti, "non accettiamo che ci venga detto che non rispettiamo le norme anti-covid; abbiamo ridotto la capienza al minimo, preghiamo distanziati, con le mascherine e ognuno porta un tappeto individuale; all’entrata misuriamo la temperatura a tutti, insomma facciamo tutto quello che è stato stabilito dal protocollo anti-covid per le attività di preghiera realizzato dal governo".

Tra gli esponenti leghisti presenti al presidio di oggi, c'era anche il consigliere comunale e regionale Massimiliano Bastoni, che ha denunciato un tentativo di aggressione ai suoi danni: "Si tratta semplicemente di un fatto mai avvenuto, inventato di sana pianta -replica Elgharabawi indignato- siamo rimasti scioccati da questa accusa perché sono stato sempre presente e non c’è stata nessuna aggressione". Pertanto, conclude, "abbiamo dato mandato al nostro legale di procedere con una denuncia per diffamazione, perché nessuno deve permettersi di infangare la nostra reputazione".