Milano, Lista Civica Ambientalista: Sala sindaco dipinto di verde

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 mar. (askanews) - "L'aggettivo verde accostato al nome di Beppe Sala lo consideriamo come una vernice opaca, usata oggi per distrarre i cittadini, così da indurli a ignorare che si continua a costruire sui nostri parchi, sul nostro verde, tagliando i nostri alberi. Ambientalista per noi invece è un modo di essere, di pensare, di avere il coraggio delle proprie scelte e la coerenza delle proprie azioni. Non basta dipingersi di verde per rifarsi una verginità ecologista". Lo hanno scritto in una nota Irene Pizzocchero e Sergio Violante che proprio ieri hanno anunciato la nascita della lista Civica AmbientaLista, il cui candidato sindaco sarà Gabriele Mariani.

"Oggi leggiamo la notizia dell'adesione del sindaco Sala ai Verdi Europei. Ci sorprende che l'attuale sindaco di una delle metropoli tra le più inquinate d'Italia e d'Europa dichiari solo adesso che inquinare di meno è un dovere. Ci fa arrabbiare che l'attuale sindaco, dopo che ha permesso al Politecnico di distruggere il parco Bassini facendo blindare dalla polizia le strade di Città Studi contro le proteste dei cittadini e in particolare di tanti giovani studenti, ci dica adesso che si sta rivolgendo proprio a quei giovani che sono scesi in piazza chiedendo un cambiamento. Noi ci ricordiamo chi è l'attuale sindaco di Milano e ci candidiamo proprio per denunciare la gravissima situazione ambientale che questa amministrazione ha creato in città e cambiarne la direzione" hanno aggiunto.

"Milano è molto distante dagli standard europei di vivibilità. Sappiamo che per Sala l'importante è fare, continuare a lavorare sodo. Traduciamo così le sue parole: l'importante è costruire. Noi non ci dimentichiamo che Sala è stato per Milano prima il direttore generale del comune guidato da Letizia Moratti, poi il responsabile di quell'Expo che invece del parco voluto dai milanesi è oggi un quartiere in costruzione su cui pende un ricorso perché non rispetta le percentuali di suolo a verde e l'invarianza idraulica" hanno ricordato nella nota.