Milano, Napoli, Giorgetti, Zaia: i guai di Salvini non finiscono mai

·4 minuto per la lettura
ROME, ITALY - SEPTEMBER 10: Lega leader Matteo Salvini visited the suburban district of Tor Bella Monaca to listen to the requests and complaints of some of the residents of the social housing managed by the municipality of Rome in Via Amico Aspertini, which are in a state of disrepair, on September 10, 2021 in Rome, Italy. The Tor Bella Monaca neighbourhood, located in the south-eastern outskirts of the capital, is considered one of the most degraded, abandoned and crime-ridden areas in Rome (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - SEPTEMBER 10: Lega leader Matteo Salvini visited the suburban district of Tor Bella Monaca to listen to the requests and complaints of some of the residents of the social housing managed by the municipality of Rome in Via Amico Aspertini, which are in a state of disrepair, on September 10, 2021 in Rome, Italy. The Tor Bella Monaca neighbourhood, located in the south-eastern outskirts of the capital, is considered one of the most degraded, abandoned and crime-ridden areas in Rome (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

A Milano per la prima volta dal ’93, da quando entrò a Palazzo Marino al seguito del sindaco Formentini, Matteo Salvini non si candida a consigliere comunale, cedendo il posto da capolista alla “civica” Annarosa Racca che avrebbe voluto far correre da prima cittadina. A Napoli, invece, la presentazione di una lista leghista a sostegno del pm Catello Maresca era appesa a un filo che si è spezzato: esclusa sul filo di lana per due minuti di ritardo nella presentazione, anche il ricorso è stato respinto dal Tar (insieme a quello di due civiche). Una beffa, a cui qualcuno dà un connotato doloso e un’interpretazione maliziosa: evitare di contarsi in una città dove un sondaggio del “Mattino” sulle intenzioni di voto a 21 giorni dalle comunali ha collocato la Lega al 2,9% con FdI al 7,4% e Fi al 5,6%. E Maresca commenta a caldo l’esclusione: “E’ la morte della democrazia”

Insomma: la Lega “lepenista” non si concentra più sulla Lombardia (dove, addirittura, rischia il sorpasso da meloniani che cercano “un voto in più”) ma lo “sbarco al Sud” rischia di trasformarsi in retromarcia. E non basta la trincea della Calabria – dove le rilevazioni danno Occhiuto in vantaggio e dove Salvini concluderà la campagna elettorale – per sedare il nervosismo che attanaglia via Bellerio. Le amministrative, questo al leader è chiaro, saranno anche un test sulla sua linea di lotta e di governo. Che, sul secondo versante, ha ancora diversi nodi da sciogliere, oltre al malumore unanime dei governatori per i distinguo sul green pass. Dopo la netta intervista di Zaia al “Corsera”, altrettanto chiare le parole del ministro Giorgetti dopo un incontro con gli imprenditori in Umbria: “Estendere il green pass a tutti i lavoratori è un’ipotesi in discussione.
L’esigenza delle aziende è di avere sicurezza per chi opera nei reparti. Credo, quindi, che si andrà verso un’estensione senza discriminare nessuno, possibilmente”. Perché, ha spiegato, “soltanto un contagiato, al netto delle conseguenze sanitarie rischia di far chiudere tutta l’azienda. Dobbiamo dare un sistema di certezze”.

Anche l’incontro di Salvini con Draghi, auspicato e reclamizzato, non è ancora in calendario. Né lo è quello con la ministra Lamorgese, che non ha risposto porgendo l’altra guancia alle ruvidezze salviniane. Da fonti governative trapela che il fatidico colloquio a tre si farà, ma tra gli impegni di tutti (Salvini compreso) non è facile metterlo in calendario. Non solo: poiché è stato l’ex titolare del Viminale a chiedere pubblicamente la cabina di regia su immigrazione e riforme, da più parti si propende a rinviare il “chiarimento sulla linea” a dopo la convocazione della cabina. Anche se la vicenda di cronaca che ha visto un immigrato somalo ferire diverse persone, tra cui gravemente un bambino colpito alla gola, ha compattato le reazioni del centrodestra.

Fino al 3 ottobre, tuttavia, la prima preoccupazione del quartier generale salviniano sono le comunali. Sarà il responso delle urne a mettere o meno l’attuale gestione sulla graticola. A Roma, il segretario è riuscito a frenare il malcontento di Claudio Durigon, che si è dimesso da sottosegretario dopo la gaffe sul parco da intitolare al fratello di Mussolini dietro la promessa di una promozione nei ranghi del partito. Raccontano però che la prospettiva di una sua nomina a vice-segretario non abbia fatto felice l’ala governista. E che, dunque, tutto sia ancora in stand-by, sebbene Durigon abbia smentito le voci che lo davano in avvicinamento a FdI.

A Napoli la situazione non è più tranquilla. Il “Mattino” - che titolava “Polveriera centrodestra” - ha rivelato come i rapporti tra la Lega, che ha voluto Maresca candidato, e l’aspirante sindaco, sono ai minimi termini. Casus belli, il protagonismo dell’ex pm sulle liste che ha portato a un patto di ferro con gli azzurri a spese di leghisti e meloniani. Martedì scorso Giorgetti ha cancellato all’ultimo istante, pare su input del suo capo, l’incontro già annunciato dallo staff di Maresca in un’azienda di Arzano. Analogamente, Salvini sabato ha portato il suo tour elettorale a Benevento, Caserta e Salerno snobbando platealmente proprio il capoluogo. Una rabbia fredda che però non riavvicina la Lega a FdI, che avrebbe voluto in corsa l’avvocato Sergio Rastrelli, figlio dell’ex governatore missino della Campania.

Ora, il Tar ha spento le speranze di una lista leghista (sia pure con l’escamotage del nome “Prima Napoli” perché da quelle parti il simbolo del Carroccio certo non traina). Resta il giallo dei due orologi: nella stanza degli uffici elettorali, dove la deadline di consegna delle liste era mezzogiorno, uno segnava le 11,59 e l’altro le 12,01. Il “Var”, però, non ha dato ragione ai ricorrenti già “gelati” dal no della commissione prefettizia. E resta, come in ogni thriller che si rispetti, l’incognita su come finirà la – agguerrita – partita elettorale.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli