Milano, nuova sede Gruppo Cap sarà edificio a forma di arca

Red-Asa

Milano, 10 dic. (askanews) - Un'arca che fluttua su una piazza d'acqua, a rappresentare la natura pubblica della gestione del patrimonio idrico e la sua vocazione di servizio a favore della collettività. È il progetto per la nuova sede, a emissioni zero, del Gruppo Cap, il gestore del servizio idrico integrato dei Comuni della Città metropolitana di Milano. Si tratta di un edificio progettato dallo studio CL&AA, con i più alti standard di sostenibilità, e sorgerà in via Rimini, in zona Romolo, dopo che oggi è stata posata simbolicamente la prima pietra. I lavori, realizzati da Cmb spa, sono stati vviati nell'ottobre 2018 e avranno una durata complessiva di circa due anni, ma solo ora si parte con la fase di costruzione vera e propria.

Caratterizzata da 11.250 m2 di superficie, distribuiti su sei piani e suddivisa in ambienti diversi tra loro, la nuova sede ospiterà oltre 400 dipendenti e comprenderà open space, uffici, laboratori, una caffetteria aperta a tutti, un'expo area, un asilo nido non esclusivamente aziendale e un auditorium. Il principio base sarà quello della combinazione tra strutture modulari, open space e aree delimitate da utilizzare a seconda delle specifiche attività da svolgere in linea con le tendenze dello smart working. Tra queste la più importante sarà l'auditorium che avrà una capienza di 200 persone e che, affacciandosi direttamente sulla piazza, sarà uno spazio a disposizione della collettività.

"Oggi è un giorno importante per Milano, si apre il cantiere di uno dei servizi pubblici di primaria importanza per la Città metropolitana - ha commentato l'assessore comunale a Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran -. Ringraziamo Gruppo Cap che ha dimostrato negli anni di offrire un servizio sempre più efficiente; una qualità che si rispecchia nel progetto della nuova sede, selezionato tramite un concorso internazionale e pensato per portare una nuova piazza e nuovi spazi aperti al quartiere".

"Ogni anno portiamo nelle case della grande metropoli circa 200 milioni di metri cubi di acqua, puntando su ricerca innovazione e a una gestione del settore idrico davvero sostenibile. Volevamo una sede che raccontasse il nostro impegno quotidiano e la nostra fiducia nel futuro. L'arca sarà un ambiente di lavoro flessibile capace di raccontare la nostra attenzione per il green e al tempo stesso un luogo di condivisione e aggregazione con la comunità" ha aggiunto Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap.