Milano: nuove tecnologie e medici per ospedali S.Paolo e S.Carlo

Lzp

Milano, 25 ott. (askanews) - L'Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera ha visitato gli Ospedali San Paolo e San Carlo per sostenere lo sviluppo dell'ASST Santi Paolo e Carlo e complimentarsi con la Direzione Aziendale per l'impegno profuso in questi primi 10 mesi di attività e gli investimenti messi in atto per la riqualificazione delle strutture.

All'Ospedale San Carlo il Direttore Generale, Matteo Stocco, ha illustrato le peculiarità del nuovo impianto di trattamento e distribuzione acqua per le dialisi: impianti separati per le due strutture di Dialisi al piano Terra e al secondo piano, così da garantire sempre l'indipendenza e la funzionalità di almeno un reparto anche in caso di guasto, ovvero di contaminazione di uno dei due impianti. 8000 visite ambulatoriali l'anno, 330 emodialisi, 50 dialisi peritoneale domiciliari. Questi i numeri della struttura di Nefrologia e Dialisi.

L'occasione è stata propizia per una visita, in anteprima e in totale sicurezza, del cantiere dei nuovi ambulatoriali di Audiologia Infantile, una novità nel panorama dell'offerta dell'ASST Santi Paolo e Carlo (e non solo) con un approccio multidisciplinare che andrà a colmare una lacuna di chirurgia pediatrica ad alta complessità di cura per la presa in carico dei piccoli pazienti. La presenza, presso il Presidio San Carlo di specialità quali Pediatria, Otorinolaringoiatria, Terapia Intensiva e Neurochirurgia hanno permesso alla Direzione Strategica di poter sviluppare il progetto di una nuova Struttura Ambulatoriale di Audiologia Infantile.

La delegazione si è poi trasferita all'Ospedale San Paolo per il visitare la Terapia Intensiva Cardiologica dove è stato realizzato il completo rifacimento di tutte le componenti tecniche con la razionalizzazione delle vie di distribuzione dei gas e della corrente, così che ogni singolo letto abbia a disposizione un numero idoneo di attacchi del gas e di prese della corrente tanto da rendere più facile e sicura la gestione dei pazienti, consentendo l'esecuzione di esami diagnostici ed interventi al letto del malato. I circa 500 ricoveri l'anno evidenziano pazienti sempre più complessi, che presentano pluri patologie e necessitano di maggiore assistenza.

"Ambienti tecnologicamente all'avanguardia e in grado di rispondere alle necessità dei migliori professionisti, con un'organizzazione snella e flessibile, garantiscono l'integrazione professionale e la presa in carico del paziente, dall'acuto al cronico. Questo è l'impegno che porteremo avanti per curare i cittadini", ha dichiarato il direttore generale Matteo Stocco.

"Il sostegno e l'attenzione di Regione Lombardia nei confronti della qualità delle cure e dei servizi socio sanitari erogati dagli Ospedali San Paolo e San Carlo sono sempre altissimi e rappresentano una priorità. E anche oggi lo abbiamo messo in evidenza in modo concreto, a sostegno del grande lavoro dei professionisti che lavorano in questi presidi e a beneficio dei cittadini", ha dichiarato l'assessore Gallera.