Milano, nuovo regolamento per attuazione diritti partecipazione

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 lug. (askanews) - Si chiude sabato 3 luglio la raccolta di osservazioni da parte di associazioni e cittadini al nuovo Regolamento per l'attuazione dei diritti di partecipazione che il Comune di Milano. Si tratta di uno strumento di "democrazia deliberativa - ha scritto in una nota l'assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data, Lorenzo Lipparini - che innova i rapporti tra cittadini e istituzioni offrendo un nuovo modello di amministrazione condivisa fondato sulla cultura della partecipazione".

Il testo del provvedimento è stato approvato dalla Giunta il 28 maggio scorso e ha proseguito il suo iter con la consultazione cittadina che si concluderà sabato, il parere dei Municipi, una nuova presentazione in Commissione Consiliare e, a concludere, il dibattito in Consiglio Comunale prima del via libera finale.

qCittadine e cittadini possono quindi ancora consultare il testo sulla piattaforma online Milano Partecipa e inserire osservazioni e proposte di modifica. Possono partecipare tutti i maggiori di 16 anni, residenti o domiciliati a Milano, cittadini italiani e stranieri, anche con il solo permesso di soggiorno, e i city users che frequentano la città per ragioni di studio o di lavoro. L'identificazione avviene con il sistema Spid o con la procedura dedicata a chi non lo può attivare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli