Milano, occupato liceo classico Manzoni, studenti: “Autogestione”

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 gen. (askanews) - "Negli ultimi due anni la scuola è stata oggetto delle decisioni di politici che, a più riprese, hanno dimostrato la loro incompetenza. Prima siamo stati privati della scuola in presenza, poi ci hanno definiti untori e untrici, successivamente siamo stati privati di molti dei nostri spazi e momenti di socialità e infine al nostro ritorno, danneggiati dagli strascichi didattici e psicologici provocati dai due anni molto complessi passati in Dad abbiamo trovato una scuola più attenta a valutarci in modo ossessivo che a trasmetterci delle vere conoscenze. Per questi motivi, a seguito di una lunga e partecipata assemblea plenaria, il corpo studentesco ha deciso di dare un segnale forte: occuperemo la nostra scuola per una settimana, a partire da oggi 10 gennaio 2022". Lo ha annunciato questa mattina con un comunicato pubblicato sui social network il Collettivo politico Manzoni dell'omonimo liceo classico di Milano.

"Delusi della pessima gestione dei contagi soprattutto all'esterno della scuola, abbiamo deciso di dare un'altra forte dimostrazione: autogestiremo in modo responsabile e civile la nostra salute. Sarà obbligatorio l'uso della mascherina FFP2, sarà costantemente garantito il distanziamento e l'areazione dei locali e ci saranno ingressi contingentati nelle aule per evitare assembramenti" si legge ancora nella nota, che si conclude spiegando "vogliamo che studenti e studentesse tornino ad essere protagonisti all'interno della scuola, perciò porteremo avanti un nostro progetto di informazione e analisi critica: abbiamo organizzato laboratori, collettivi e iniziative tenuti da noi studenti e ospiti esperti in diverse tematiche, per creare finalmente un momento di formazione e insegnamento molto più profondo ed efficace di quello che ci viene attualmente fornito a scuola".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli