Milano, palpeggia e si masturba davanti a studentessa a Brera: preso

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 mag. (askanews) - Un 40enne del Bangladesh è stato posto in stato di fermo dalla polizia con l'accusa di aver aggredito, intorno alle 2.45 di giovedì scorso a Milano, una 20enne studentessa italiana, palpeggiandola nelle parti intime e masturbandosi davanti a lei, dopo averla spinta in un punto appartato di piazza del Carmine, nella centralissima zona Brera a Milano, a quell'ora deserta.

Secondo quanto riferito dalla polizia, dopo aver adocchiato la vittima all'esterno di un locale in via Madonnina, l'uomo avrebbe iniziato ad infastidirla, poi l'avrebbe inseguita cercando insistentemente di toccarla fino a quando la studentessa, per sfuggire ai suoi continui tentativi di abbracciarla e palpeggiarla, si è gettata per terra e davanti a lei l'uomo ha iniziato a masturbarsi. Sotto choc, la ragazza è riuscita nuovamente ad allontanarsi e a raggiungere via Fatebenefratelli dove è entrata in Questura e ha denunciato l'accaduto.

Partendo dalla dettagliata testimonianza della vittima e alle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza, gli investigatori della quarta sezione della Squadra mobile, coordinata dal pm di turno Antonio Cristillo e dall'aggiunto Letizia Mannella della locale Procura, la sera seguente hanno individuato nella stessa zona il presunto autore della violenza, che è stato riconosciuto sia per la sua particolare andatura che per i tratti somatici, nonché perché aveva ancora indosso gli stessi abiti della sera precedente. Quando è stato bloccato, stava cercando di vendere con grande insistenza pacchetti di sigarette a giovani donne.

Gli investigatori non escludono che l'uomo, regolare in Italia, possa essersi reso protagonista di altre aggressioni a sfondo sessuale in zona Brera, non ancora denunciati dalle vittime.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli