Milano, Paragone: di Montigny candidato “fighetta” come Sala

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 giu. (askanews) - Gianluigi Paragone, che ha presentato oggi alla stampa la sua candidatura a sindaco di Milano, ha criticato il sindaco uscente Beppe Sala e il possibile candidato del centrodestra Oscar di Montigny. "Sala poteva essere il candidato del centrodestra" ma "lo è stato del centrosinistra". E il centrodestra "non è riuscito in cinque anni a tirare fuori un campione capace di fare da competitor" perché "ha paura di vincere a Milano, e così tirano fuori un candidato che è parente di un banchiere, che ha inzuppato il pane nel mondo finanziario e bancario. E' un candidato fighetta esattamente come lo è Sala", ha detto Paragone, che ha aggiunto, riferendosi a di Montigny: "Ha bisogno di una balia, di un tutor a mezzo servizio come Albertini che si pone come tutor di un candidato sindaco che è già un perdente, un sacrificato naturale, un 'tenero Giacomo' della Settimana enigmistica".

Paragone ha usato la stessa espressione "fighetta", anche in riferimento dalla politica sull'immigrazione del centrosinistra milanese: "dell'immigrazione: "Quando l'immigrazione diventa un modo per riempire le periferie allora è un altro modo che hanno i fighetta per lavarsi anima coscienza e mani. E questo oggi è il centrosinistra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli