Milano, per 57% imprese negli ultimi 5 anni più episodi criminali

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 mar. (askanews) - Per il 57% delle imprese di Milano negli ultimi 5 anni sono aumentati gli episodi criminali. Percentuale che sale al 59% tra le aziende dell'hinterland fino al 65% della provincia di Monza e Brianza. E' quanto emerge da un sondaggio compiuto da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza che ha passato in rassegna le risposte di 773 imprese e i cui dati sono stati elaborati dall'Ufficio Studi.

Furti e scippi (38%), spaccio di droga (31%) e danneggiamenti (28%) sono gli atti criminali maggiormente rilevati. Il 3% ha indicato le estorsioni. I danneggiamenti impattano senza differenze su Milano città (33%), hinterland milanese (32%) e Monza Brianza (33%).

Per il 45% delle imprese sono aumentati i fenomeni di usura o le offerte d'acquisto delle aziende ad un valore inferiore a quello di mercato. Su questa tendenza più risposte (50%) da Monza Brianza (Milano città 46%, hinterland milanese 41%). "Una percentuale significativa di operatori denuncia una crescita di usura o offerte 'irrituali' di acquisto. Un allarme che accende di nuovo i riflettori sulla grande sofferenza delle imprese per la crisi generata dalla pandemia", ha sottolineato Mario Peserico, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con competenza sui temi della legalità.