Milano, piano Aria: benzinai con colonnine elettriche e stop al fumo

Red-Mch
·1 minuto per la lettura

Milano, 19 nov. (askanews) - A Milano tutti i punti di vendita di carburante dovranno dotarsi di infrastrutture di ricarica elettrica entro il 2023. Lo prevede il "Regolamento per la qualità dell'aria" approvato oggi dal consiglio comunale che definisce priorità e scadenze di una serie di azioni tese a migliorare la qualità ambientale in città. I distributori esistenti devono presentare il progetto entro il primo gennaio 2022 e l'installazione delle colonnine deve avvenire entro 12 mesi successivi alla presentazione dello stesso. In caso di impossibilità tecnica, viene spiegato, la colonnina dovrà essere realizzata in un'area pubblica diversa entro il primo gennaio 2023. Il regolamento, tra i tanti provvedimenti, ha confermato lo stop al fumo all'aperto dal primo gennaio 2021 in diversi punti della città: dalle fermate dei mezzi pubblici ai parchi, fino ai cimiteri e alle strutture sportive, come gli stadi, sarà proibito fumare nel raggio di 10 metri da altre persone. Dal primo gennaio 2025 il divieto di fumo sarà esteso a tutte le aree pubbliche all'aperto. "Si tratta di provvedimenti che hanno un duplice obiettivo: aiutano a ridurre il Pm10, ossia le particelle inquinanti nocive per i polmoni e tutelano la salute dei cittadini dal fumo attivo e passivo nei luoghi pubblici e frequentati anche dai minori", si legge in una nota. Tra le norme scatta il divieto a partire da quest'anno per fuochi d'artificio e barbecue nel periodo compreso tra il primo ottobre e il 31 marzo. "Per quanto riguarda gli esercizi commerciali sarà obbligatorio tenere le porte chiuse entro il primo gennaio 2022. È prevista una deroga per i negozi che fanno uso delle cosiddette "lame d'aria" non riscaldate elettricamente, con larghezza superiore a quella della porta".