Milano, Piscina(Lega): piano Aria e clima follia fake-green

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - "La follia fake-green della sinistra ancora una volta si manifesta sotto le sembianze dell'unico Piano per l'aria e il clima esistente che avrà il fine di aumentare l'inquinamento".Lo ha scritto in una nota il consigliere comunale e vicecommissario della Lega a Milano, Samuele Piscina, in seguito alla riunione del Consiglio che ha trattato il piano comunale. "La realizzazione di nuove ciclabili a discapito delle corsie viabilistiche sulle principali arterie della nostra città e la riapertura dei Navigli non produrrà altro effetto se non quello di aumentare il traffico e quindi l'inquinamento" ha osservato Piscina.

"Le conseguenze di queste sconsiderate politiche portate avanti dalla sinistra le possiamo già oggi vedere in viale Marche, nel quale in questi giorni il pm10 ha più volte superato i livelli di allarme, o in viale Monza dove la coda chilometrica ha un inizio, ma non vede una fine" ha aggiunto. "Proprio la riapertura del tratto del Naviglio Martesana in via Melchiorre Gioia, seguendo i folli piani del Sindaco Sala e dell'Assessore Grandi, creerà un disagio importante in una delle strade più trafficate di Milano, ove le corsie saranno ridotte per la presenza del canale, verranno eliminati gli sbocchi nelle vie minori per l'assenza di ponti viabilistici concentrando quindi il traffico sull'arteria e centinaia di posti auto verranno eliminati" ha proseguito.

"Tra le altre osservazioni inserite dalla Giunta nel Piano, salta all'occhio l'estensione della sosta a pagamento all'intera città con la contestuale rimodulazione al rialzo delle tariffe, la riduzione della sosta privata in strada, l'estensione di Area B e la realizzazione di nuove Ztl" ha continuato Piscina. "La grande esclusa rimane purtroppo la richiesta più sensata: la previsione di nuovi incentivi per la sostituzione delle autovetture con mezzi elettrici o comunque meno inquinanti" ha sottolineato l'esponente leghista.

"Queste misure vanno a colpire i cittadini che hanno la necessità di muoversi in città per motivi di lavoro o familiari e non trovano un'adeguata risposta nel parco mezzi pubblici. Sala ha il suo autista che lo scarrozza per la città, ma esistono genitori che lavorano a Rogoredo e devono recuperare in tempi record i figli all'asilo di via De Curtis in Quartiere Adriano, artigiani che sono evidentemente impossibilitati a portare il materiale edile in metropolitana, persone con difficoltà motoria che devono essere accompagnati dalle proprie famiglie" ha proseguito.

"Mi sembra evidente che l'obiettivo del sindaco Sala e dell'Assessore Grandi non sia quello di garantire un'aria più pulita alle nuove generazioni - conclude l'esponente leghista - ma casomai quello di fare la guerra agli automobilisti, obbligando i cittadini alla conversione viabilistica con la bicicletta in qualsiasi stagione e con qualsiasi temperatura e intemperia, ma non comprendendo che il numero totale dei veicoli a 4 ruote difficilmente si abbasserà. Invece di pensare diabolicamente ogni santo giorno a come creare un disagio ai milanesi, Sala pensi piuttosto a incentivare l'uso dei mezzi pubblici abbassando le tariffe che il duo Pisapia-Sala hanno fatto schizzare alle stelle" ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli