Milano, protesta di Potere al Popolo contro lo studio Piuarch

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 6 set. (askanews) - Questa mattina in via Palermo a Milano, dove è in corso il Fuorisalone, Potere al Popolo ha inscenato una protesta sotto lo sede del pluripremiato studio di architettura Piuarch, "a cui ha voluto aggiungere al loro palmares un nuovo premio: il leone d'oro allo sfruttamento". Lo ha reso noto la stessa formazione politica, spiegando che "oltre all'ormai consolidato sfruttamento dei dipendenti tramite le false partite Iva, Piuarch come dice il nome fa di più, chiede ai propri dipendenti di versargli il bonus Inps di 600 euro per venire incontro alle difficoltà dell'azienda. Guardacaso, però, l'azienda nel 2020 triplica gli utili e i quattro soci si attribuiscono un bonus di 160mila euro".

Sempre secondo quanto spiegato nel comunicato "non si tratta purtroppo di un caso isolato ma di una prassi consolidata e diffusa: la città intesa come attrattiva per i capitali e colorato eventificio ha questa come conseguenza. È questo il retrobottega della città vetrina: precariato, lavoro povero, sfruttato e vessato". "Nella settimana del 'fuori salone' vedremo il riproporsi di condizioni di lavoro inaccettabili: orari di lavoro massacranti e paghe da fame".

"Non possiamo che sottolineare il parallelismo con il Pnrr concepito dal governo Draghi dove i soldi per i Comuni sono condizionati dalla capacità di questi ultimi di reperire investimenti privati" spiega Potere al Popolo, aggiungendo che "è per questo motivo che crediamo la costruzione della Milano città pubblica sia più che mai necessaria: l'unico voto utile è quello a noi, l'unico investimento che va nella direzione degli interessi di chi in questa città ci abita e ci lavora".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli