Milano prova a ripartire, dai mezzi pubblici a Piazza Duomo

Lme

Milano, 28 feb. (askanews) - Dopo la giornata all'insegna della volontà di Milano di non fermarsi nonostante la situazione difficile dovuta al Coronavirus e al rischio psicosi da contagio, la città prova a ripartire anche nei fatti e nelle abitudini quotidiane. Treni e metropolitane ritrovano flussi di passeggeri più consistenti e, nei convogli della metro, oltre alle mascherine, si cominciano a ritrovare tracce di quella normalità che da più parti si invoca.

Pur restando al di sotto della norma, anche il traffico automobilistico comincia ad aumentare e sebbene nei parcheggi dei taxi si trovino spesso autisti in attesa, gli operatori del settore parlano di una situazione che sta migliorando dopo una settimana che il presidente di TaxiBlu ha definito espressamente "surreale".

In piazza Duomo, complice anche la bella giornata di sole e in attesa dell'annunciata riapertura della cattedrale, i gradini della chiesa tornano a essere frequentati dai turisti e per le vie del centro si muovono anche alcuni bus dei tour organizzati. Prove di ripartenza insomma, ancora tutta da verificare, perché comunque la paura resta così come restano alcune restrizioni precauzionali. Ma, pur nelle difficoltà, non manca l'ottimismo, anche quello di una ragazza genovese venuta a Milano dal fidanzato. "L'amore batte il virus - ci ha detto - magari mio malgrado, però batte il virus".

Come slogan per le prossime ore potrebbe non essere male.