Milano, rapina e ferisce colleghe: prostituta trans arrestata

Alp

Milano, 6 set. (askanews) - Una 47enne prostituta transessuale peruviana è stata arrestata ieri a Milano dalla polizia con l'accusa di aver aggredito e rapinato, tra il capoluogo lombardo e il Comasco, altre sue quattro "colleghe" trans peruviane. Nei suoi confronti è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Le indagini condotte dai poliziotti del Commissariato Villa San Giovanni della Questura di Milano sono iniziate il 2 luglio scorso quando una trans 36enne aveva denunciato di essere stata avvicinata in viale Fulvio Testi dalla sua connazionale che, dopo averle offerto da bere e proposto di accompagnarla a casa, l'aveva aggredita in piazzale Loreto per ottenere del denaro: riuscita a fuggire dall'auto, la vittima era stata rincorsa e colpita al volto con una bottiglia raccolta da terra riportando una profonda lesione al braccio ed era stata rapinata della borsa con 500 euro e il cellulare.

Con lo stesso modus operandi, un approccio gentile che in breve si trasformava in una violenta aggressione, "Dulcina" (questo il soprannome dell'arrestata) avrebbe assalito due volte (a luglio 2017 ed agosto 2018) una trans 53enne, colpita al viso e alle braccia con il tacco di una scarpa con il chiaro intento di sfregiarla. La stessa violenza era stata esercitata in più occasioni anche contro un'altra trans di 50 anni che si prostituisce nella zona di Appiano Gentile (Como). Infine, "Dulcita" è accusata di essere l'autrice di una aggressione ai danni di una trans sua coetanea con la quale aveva consumato stupefacenti il 2 giugno 2019 a Cinisello Balsamo (Milano). In questo caso la vittima era stata colpita alla testa con una spranga di ferro per aver rivolto degli apprezzamenti nei confronti del fidanzato romeno della 47enne.

L'arrestata, con precedenti specifici per reati contro la persona e il patrimonio, residente in Spagna e con permesso di soggiorno spagnolo, è stata rintracciata nella sua abitazione di Cinisello Balsamo e condotta in serata a San Vittore con l'accusa di rapina aggravata dall'uso di armi e lesioni personali pluriaggravate. Sono in corso ulteriore indagini per individuare eventuali altre aggressioni.