Milano, reati in calo (-4,6%) ma impennata della droga

webinfo@adnkronos.com

Continuano a diminuire i reati commessi a Milano, ma quelli legati al traffico e allo spaccio di stupefacenti sono in forte aumento. Nei primi dieci mesi del 2019 i delitti complessivi commessi a Milano sono stati 112.906, in flessione del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2018. In cinque anni, invece, la riduzione del totale dei delitti è stata del 15,5%. Nella città metropolitana, secondo i dati sulla criminalità a Milano presentati in Prefettura, i delitti sono stati 178.841, in calo del 4,7% su base annua e del 16,2% rispetto ai primi dieci mesi del 2014.  

I furti in abitazione sono stati 4.100, in flessione del 18% su base annua e del 43,7% in cinque anni. Le rapine sono state 1.873, in calo dell’8,3% rispetto ai primi dieci mesi del 2018 e del 31,4% sul 2014. Invece i reati legati alla droga fra gennaio e ottobre scorsi sono stati 1.846, in aumento dell'8,2% in un anno e del 68,5% in cinque anni. "C’è un aumento enorme di reati rispetto a cinque anni fa, ma i risultati sono frutto di un'attività imponente che stiamo mettendo in atto", ha spiegato il prefetto di Milano, Renato Saccone.  

Il questore di Milano, Sergio Bracco, ha spiegato che l'aumento del numero dei reati legati agli stupefacenti "va letto in senso positivo, per via di una più efficace attività di contrasto, perché non c’è la denuncia per spaccio e non c’è il soggetto passivo del reato. Il dato ci rincuora".  

Il prefetto ha sottolineato i progressi realizzati nel boschetto di Rogoredo, piazza dello spaccio, in particolare di eroina, smantellata dalle forze dell'ordine. "Su Rogoredo vince la strategia di medio e lungo periodo, con un lavoro effettuato con tutti i soggetti di polizia, anche con il terzo settore, anche se l'impegno non è finito". In particolare "abbiamo aggredito una concentrazione di spaccio. Disarticolandola, abbiamo ridotto la sua forza attrattiva. Ora stiamo seguendo i rivoli punto per punto e questo è più complicato per i consumatori".  

Sul fronte degli altri delitti nei primi dieci mesi del 2019 gli omicidi volontari sono stati nove, tre in più di quelli del 2018 ma otto in meno di quelli commessi nello stesso periodo del 2014, mentre i tentati omicidi sono stati 32. Nella città metropolitana, invece, gli omicidi volontari sono stati 18, in aumento dai 13 del periodo gennaio-ottobre 2018 e in calo rispetto ai 30 dello stesso periodo del 2014. Le violenze sessuali sono state 223, in calo del 17,1% in un anno e del 9,3% ma in aumento del 9,3% in cinque anni.