Milano, Sala: ecologismo trend secolare, bisogni città cambiati

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 mar. (askanews) - "Credo che questo sia oggettivamente un momento in cui bisogna interpretare dei trend secolari che stanno attraversando la nostra civiltà, dei trend che si chiamano ecologismo, trasformazione digitale, necessità di maggiore equità sociale". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, durante la presentazione del libro di Piero Fassino 'Dalla rivoluzione alla democrazia. Il cammino del Partito Comunista Italiano 1921-1991', parlando degli insegnamenti tratti dalla lettura del volume e dall'esempio di Enrico Berlinquer, segretario del Pci dal 1972 al 1984.

"Tutti vogliono essere campioni di queste materie e allora bisogna dimostrare di essere convincenti, dimostrare di avere passione, per questo io sto cercando anche nuove vie, che sono ovviamente all'interno di un pensiero che noi condividiamo, perche voglio essere interprete preparato, serio, coerente di un certo sistema di valori e non solo riempirmi la bocca di slogan" ha aggiunto il primo cittadino, che nei giorni scorsi ha detto di voler aderire al partito dei Verdi Europei.

Sala ha aggiunto di condividere con l'ex leader comunista l'esigenza di essere in sintonia con i tempi che cambiano. "A volte posso sembrare disorientante nel mio muovermi alla ricerca di quello che serve nella contemporaneità, ma è fondamentale. I tempi cambiano velocemente e i bisogni attuali di Milano non sono assolutamente quelli di cinque anni da. Per me non è cambiato il sistema valoriale, continuo a credere nella logica dello sviluppo ma anche nel dare un'opportunità ai più, ma il modo con cui si vuole farlo deve essere modo in questo momento diverso" ha aggiunto.

Sala ha poi parlato dell'importanza di "saper unire più che dividere, come nei rapporti tra il Pci e la Dc, mondi diversi ma con un'assonanza profonda. Sono passaggi anche un po' magici che ci devono far riflettere. Questo è il momento dell'unione, non a tutti i costi, ma la divisione può nascere solo dalla coscienza che una volta sviscerate diverse posizione si rimane diversi non perché si vuole interpretare quello che si presume la gente voglia sentirci dire, ma perché la vediamo in maniera diversa e oggi questa assurda semplificazione della politica così tesa a essere interprete del mainstream è una cosa intollerabile".

Un altro insegnamento di Berlinguer, che Sala ha detto di avere votato ai tempi del Pci, per il sindaco è la sua "austerità". "Noi dobbiamo portare avanti chi è nato indietro, ma dobbiamo fare sì che nei fatti saremo in grado di ragionare su questa idea di condivisione. Le città sono il momento di condivisione massima delle risorse e la principale è quella umana". Infine Sala ha citato un passaggio del libro in cui si parla dello spirito degli italiani. "Dobbiamo avere generosità, anche questa ricostruzione deve essere un esercizio di generosità" ha concluso.