Milano, Sala: il mio impegno per salvare la Sala Venezia

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 apr. (askanews) - Interviene il sindaco nella vicenda della Sala Venezia a Milano, storica balera nei locali del circolo dell'Associazione nazionale combattenti e reduci di via Cadamosto, sotto sfratto dall'8 aprile. "Possiamo provare a offrire alla Questura un nostro spazio, alternativo a quello occupato da Sala Venezia. Anche il Demanio può cercare di fare la stessa cosa. Non è cosa semplice, ma garantisco il mio impegno per trovare una soluzione", scrive sui social il sindaco Giuseppe Sala.

Per capire la vicenda occorre precisare che gli spazi, di proprietà del Viminale e dati in concessione fino all'8 aprile, ora sono destinati a diventare archivio della Questura. Decisione che nei giorni scorsi ha fatto levare la voce di tanti, personaggi noti e non, che si sono mossi per salvare la Sala Venezia lanciando anche una petizione online. La balera era nata nel secondo dopoguerra come circolo ricreativo per anziani e negli Anni 90 si è aperta alle nuove generazioni.

"Tanti milanesi, giovani e meno giovani, mi hanno chiesto di intervenire su Sala Venezia - scrive oggi Sala sui social - Si tratta di uno stabile che non è nostro, ma del Ministero dell'Interno e in uso alla Questura", ma, conclude "garantisco il mio impegno per trovare una soluzione"