Milano: Santanché, 'a brevissimo il nome del candidato sindaco, saprà convincere elettori'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 1 giu.(Adnkronos) – Il cerchio si sta per chiudere con l'incontro tra i vertici dei partiti di centrodestra per la scelta dei candidati sindaci alle prossime amministrative programmato per le 18 alla Camera. Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani hanno deciso di riunirsi alla Camera con 'Coraggio Italia', Udc 'Rinascimento' e Noi per l'Italia per stilare una lista di nomi condivisi e chiudere le partite più attese. L'incontro, almeno nelle intenzioni, servirà a trovare una sintesi e sciogliere definitivamente i nodi sulla scelta dei nomi da schierare alle prossime elezioni: "Sono confidente che a brevissimo avremo i nomi e che saranno i candidati migliori per vincere a Milano e nelle città più importanti", dice all'Adnkronos Daniela Santanché, coordinatrice lombarda di Fratelli d'Italia, anche perché "bisogna partire con la campagna elettorale".

Dopo i risultati dell'ultimo sondaggio condotto da Swg sulle intenzioni di voto alle prossime politiche che vedono Fdi salire al 20%, avvicinandosi alla Lega che resta prima con il 21,7 per cento e superando il Pd, che scende al 19%, l'idea è che il partito di Giorgia Meloni possa influire in maniera più decisa sulla scelta dei candidati, anche se Santanché frena: "Noi crediamo che quello dell'alleanza sia un valore assolutamente importante; i nostri avversari sono Pd e M5s, tant'è che gli elettori stanno premiando la nostra coerenza". E poi "la cosa importante, come hanno già detto anche i nostri leader, è che noi correremo insieme ovunque, con Lega e Forza Italia" e per questo "si sceglieranno i candidati migliori". Del resto, "le personalità sono tante e interessanti e quindi sono certa che troveranno una sintesi per scegliere la candidata o il candidato che dovrà convincere gli elettori a Milano, a Roma e ovunque che la nostra è la proposta migliore per il governo della città".

A Milano sembra prendere sempre più quota l'ipotesi di Annarosa Racca, presidente di Federfarma che alle prime aveva declinato l'invito, salvo poi riconsiderare la possibilità di accettare la sfida, o quantomeno di discuterne: "Annarosa Racca è sicuramente un buon candidato -dice Santanché- ma ci sono anche altri nomi; abbiamo il professor Dallocchio, ad esempio e anche altri. Io sono certa che la Meloni, Salvini e Tajani troveranno il candidato migliore perché, lo dico da milanese, Milano ha voglia di un cambiamento, i milanesi meritano di più e dunque un governo della città di centrodestra. Del resto -conclude- le cose migliori degli ultimi venti anni a Milano le ha fatte il centrodestra".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli