Milano, sequestrati 1.166 abiti contraffatti in zona Paolo Sarpi

Red-Mch

Milano, 18 gen. (askanews) - Magliette, giacche, cappotti, vestiti. E ancora collane, bracciali, anelli e spille. Sono 1.166 i capi e gli accessori sequestrati dal Nucleo Antiabusivismo della Polizia locale in un unico negozio in zona Paolo Sarpi, la cui titolare è stata indagata per il reato di contraffazione.

I capi d'abbigliamento e gli accessori esposti per la vendita erano dotati di etichette e loghi contraffatti di alcuni tra i più famosi marchi di moda, tra cui Chanel, Gucci, Moncler, Valentino, Louis Vuitton, Fendi, Burberry, Dior, Bulgari, Balenciaga, Hermès, Yves Saint Laurent, Kenzo, Moschino, Prada.

"Un'operazione importante - ha commentato la vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Anna Scavuzzo - che dà un ulteriore segnale di attenzione da parte del Comune di Milano a esercenti e cittadini, a maggior ragione in un periodo di aumento degli acquisti come questo. Il settore della moda, dell'abbigliamento e della pelletteria è strategico: tuteliamo i compratori e le imprese oneste colpendo chi mette in commercio i falsi".

La titolare del negozio, una donna di origini cinesi di 38 anni, non è stata in grado di esibire né le fatture d'acquisto né altra documentazione utile ad attestare la provenienza della merce. E' ora indagata per il reato di contraffazione.