Milano, sequestrati a ricettatore 300mila euro nascosti nei peluche

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 giu. (askanews) - I carabinieri della Compagnia Duomo di Milano hanno denunciato per ricettazione 13 persone nell'ambito di un'indagine coordinata dalla procura di Milano, che ha portato al sequestro di 429mila euro in contanti, 19 orologi preziosi (Cartier, Rolex, Philippe Patek, ecc), 28 borse, accessori e profumi di brand come Fendi, Armani e Balenciaga, dieci opere d'arte di diverse epoche e 13mila euro in banconote fac-simile di quelle utilizzate per le truffe. Lo ha riferito l'Arma, spiegando che gli indagati sono nove uomini e quattro donne tra i 20 e i 55 anni, alcuni pregiudicati, tra cui quattro zingari, tre dei quali di origine slava ma stabilmente residenti da anni nel nostro Paese.

Non si esclude che parte dei beni di lusso sequestrati possa essere contraffatta, L'indagine ha preso avvio dalla scoperta, il 29 aprile scorso, di un "carico" molto simile, che tre pregiudicati italiani stavano scaricando da un'auto e portando in un appartamento di via Benedetto Marcello a Milano.

Il grosso del denaro, circa 300mila euro, è stato sequestrato nell'abitazione di Milano di un ricettatore italiano pregiudicato, che aveva nascosto i contanti in diversi punti della casa e persino all'interno dei peluche dei figli.

Gli altri soldi e la merce rubata sono stati trovati nel corso di una serie di perquisizioni in abitazioni di Baranzate e Segrate (Milano), Levate (Bergamo) e Casagiove (Caserta): le persone indagate, quasi tutte nullatenenti, non hanno saputo spiegare perché ne fossero in possesso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli