Milano: a settembre richieste per attivare sharing... -2-

Lzp

Milano, 23 ago. (askanews) - Tra gli standard minimi che il Comune di Milano intende inserire nell'avviso pubblico ci sono anche la richiesta di un servizio attivo 7 giorni su 7 e 24 ore su 24 e su tutto il territorio, l'attivazione di un'assicurazione per i mezzi in circolazione, l'iscrizione al registro delle imprese, il non avere contenziosi aperti con l'Amministrazione e l'aver svolto tutti gli adempimenti necessari per l'esercizio dell'attività sul territorio italiano. Inoltre verrà richiesta un'adeguata campagna informativa agli utenti sulla sicurezza stradale e sulle regole per l'utilizzo e per la sosta dei dispositivi.

"L'obiettivo - conclude l'assessore Granelli è quello di giungere quanto prima al superamento della fase di sperimentazione, che per Decreto Ministeriale è fissata al 26 luglio 2020, nell'ottica di un inserimento dei mezzi di micromobilità elettrica nella legislazione nazionale e nel Codice della Strada, in linea con quanto richiesto da Anci nei mesi scorsi e con quanto legiferato a giugno in Germania e nelle prossime settimane anche in Francia".