Milano, sondaggio: sfida Albertini-Sala sarebbe all’ultimo voto

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 apr. (askanews) - Sarebbe un testa a testa all'ultimo voto alle prossime elezioni comunali di Milano se contro il sindaco uscente Giuseppe Sala si candidasse per il centrodestra - che non ha ancora scelto un nome - l'ex sindaco Gabriele Albertini: secondo un sondaggio effettuato da Eumetra nell'ultima settimana di marzo su un campione rappresentativo di 1.002 cittadini milanesi, l'attuale primo cittadino otterrebbe il 48 per cento dei consensi, un punto in meno del suo ipotetico rivale Albertini, con un tre per cento di indecisi. Analoga la situazione di equilibrio nel caso di ballottaggio con il giornalista Paolo Del Debbio, pronosticato però in leggero svantaggio: otterrebbe secondo Eumetra il 47 per cento dei consensi, contro il 49 di Sala.

Il report prende in considerazione anche altri nomi di possibili candidati del centrodestra circolati nelle ultime settimane. A partire da Roberto Rasia, che in una sfida al ballottaggio con il sindaco uscente otterrebbe il 42 per cento dei consensi, contro il 52 per cento del sindaco Sala. Sfida sulla carta vincente per il sindaco attuale anche nell'ipotetico confronto con Maurizio Lupi (52% contro 45%). Ancora meno possibilità di vittoria vengono attribuite ad altri due nomi del centrodestra presi in considerazione: Regina De Albertis si fermerebbe al 41 per cento dei voti, Simone Crolla al 40.

Il pronostico riflette il grado di conoscenza dei singoli candidati del centrodestra da parte degli intervistati. Il più noto è Albertini, conosciuto dall'89 per cento dei milanesi, seguito da Del Debbio (80%). Segue Maurizio Lupi al 77 per cento. Molto meno noti risultano essere De Albertis e Crolla, rispettivamente con il 29 per cento e il 27 per cento di popolarità.

Al campione è stato chiesto anche se alle elezioni per il nuovo sindaco si presentatsse anche uno schieramento di centro liberal democratico alternativo sia al centrodestra sia al centrosinistra, il 49 per cento ha risposto che potrebbe prenderlo in considerazione per il voto.