Milano, Torchiera, Ri-Make, Macao: non cediamo spazi, siamo welfare

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 feb. (askanews) - I tre spazi autogestiti milanesi "Cascina Torchiera", "Ri-Make Bene Comune" e "Macao", hanno annunciato che domani mattina alle 11 terranno una conferenza stampa in piazza della Scala con lo slogan "Milano non si vende, la cura siamo noi".

"In questa città o vendi o sei venduto - si legge in un comunicato diffuso sulle loro pagine social - le realtà autogestite di Milano lo ribadiscono chiaramente: non siamo disposti ad accettare la speculazione sulla nostra pelle". "All'interno dei nostri spazi si è costruito valore non economico, si è diffuso benessere e si è praticato mutualismo, e proprio durante la pandemia il bisogno di queste realtà è stato evidente" proseguono gli animatori dei tre collettivi, sottolineando "abbiamo coperto le mancanze dell'Amministrazione comunale che ha faticato a sostenere chi vive e attraversa la città nel momento del bisogno, siamo diventati noi il welfare per molte persone: se questo non piace perché non può essere messo a bilancio o tradotto in utili da spartire, invitiamo amministratori delegati (o dovremmo dire sindaci?) a farsene una ragione". "I percorsi di autogestione che abitano gli spazi 'vuoti e in disuso' - concludono - non sono disposti a cedere quello che hanno costruito in decenni di lotte e partecipazione".

Sull'iniziativa è intervenuto l'assessore regionale lombardo alla Sicurezza e consigliere comunale di FdI, Riccardo De Corato, sottolineando che "non c'è da stupirsi che, nell'imminenza delle elezioni, i centri sociali vadano a battere cassa da chi, in questi anni, non solo non ha mai speso una parola per condannare le loro scorribande ma anzi, come fatto dal sindaco Sala, aveva persino lodato le loro iniziative culturali". "Faranno una conferenza stampa davanti a Palazzo Marino - ha concluso De Corato - probabilmente per trovare alleati nella maggioranza che governa Milano, chiedendo di non essere sfrattati ed avere altri spazi".