Milano, tre arresti per rapine con coltello in zona Buenos Aires

Asa
·2 minuto per la lettura

Milano, 14 nov. (askanews) - Nella tarda serata del 12 novembre, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Milano sono intervenuti in via Boscovich, dove pochi minuti prima era stata consumata una rapina ai danni di un passante di settantadue anni, da parte di tre giovani che, sotto minaccia di un coltello, gli avevano sottratto il portafoglio, senza procurargli lesioni. Durante l'intervento, è stata segnalata al numero di emergenza 112 una ulteriore rapina appena consumata nella vicina via Matteucci, presso la "Farmacia Internazionale". Giunti in forze sul posto, dopo aver acquisito per entrambi gli episodi i primi utili elementi investigativi e estrapolato e visionato le immagini del sistema di videosorveglianza della farmacia, i militari hanno avviato immediatamente le ricerche dei tre autori, scandagliando le vie limitrofe in modo sinergico e con più equipaggi. Poco dopo i tre, intercettati da un'autoradio in via Ponchielli, si sono dati alla fuga tentando di trovare rifugio in uno stabile al civico 2. All'interno del palazzo i militari sono però riusciti a scovare uno dei rapinatori, (S.D., diciottenne della provincia di Pavia, con pregiudizi di polizia) mentre si nascondeva in un vano tecnico all'ultimo piano, dopo essersi disfatto della sua giacca e del coltello, abbandonati nel cortile condominiale. Gli altri due rapinatori (F.A. diciottenne, con pregiudizi di polizia e B.A.G, diciassettenne, incensurato, entrambi della provincia di Pavia), sono stati invece bloccati mentre tentavano di dileguarsi a piedi nella vicina via Boscovich. Dalla visione dei filmati della farmacia è stato possibile notare i tre giovani entrare nell'esercizio commerciale e, dopo aver scavalcato il bancone, accanirsi con azione fredda e repentina caratterizzata da inaudita violenza, nei confronti della vittima, colpendolo con pugni al volto e calci ai fianchi prima di sottrarre del denaro dalla cassa, lo smartphone del farmacista e fuggire precipitosamente. Le perquisizioni dei rapinatori hanno consentito di rinvenire la refurtiva, consistente in 150 euro oltre al cellulare sottratto. Il farmacista, è stato trasportato dal 118 presso il pronto soccorso dell'Ospedale "Città Studi", con il volto sanguinante e con contusioni multiple per le percosse subite. È stato quindi medicato e dimesso con sette giorni di prognosi. Al termine delle operazioni di polizia giudiziaria, i due maggiorenni sono stati portati in carcere a San Vittore, mentre il minorenne nel carcere minorile di Torino.