Milano, uccise la compagna a fucilate: condannato all'ergastolo

·1 minuto per la lettura

Ha ammazzato la compagna a fucilate nell'aprile di un anno fa in pieno lockdown. I giudici della corte d'assise di Milano hanno condannato all'ergastolo Antonio Vena, l'uomo che ha confessato l'omicidio della donna, uccisa nel sonno nella sua abitazione a Trucazzano nel milanese. La corte ha accolto la richiesta della pubblica accusa, il pm Giovanni Tarzia, e non ha concesso le attenuanti. La vittima lavorava a Milano come tranviera dell’azienda trasporti milanesi (Atm) e aveva una relazione con l’omicida da circa nove anni, con alti e bassi, relazione che lei aveva deciso di troncare.

Nel corso del processo, l'imputato aveva reso la sua versione di quanto accaduto: "Piangevo, mi sono messo sul divano e mi sono asciugato il viso con il suo pigiama, lei si è infastidita, ha detto che glielo stavo sporcando con le lacrime. In quel momento ho capito che avevo perso tutto e che la mia vita stava andando a rotoli". Quindi la decisione di imbracciare il fucile. "Ho sparato al buio, non ho preso la mira" ha detto. Le motivazioni della sentenza saranno rese note tra 90 giorni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli