A Milano un murale per Fraintesa, blogger 38enne uccisa da tumore

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 ott. (askanews) - Su un muro comunale affacciato sul piazzale del Cimitero Monumentale è stato realizzato un murale dedicato a Francesca Barbieri, blogger di viaggi 38enne nota con lo pseudonimo Fraintesa, morta il 2 aprile per un tumore al seno. Lo ha realizzato l'artista Stefania Marchetto, in arte SteReal, ed è stato inaugurato dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, insieme a famigliari e amici della donna. "Non è qui tra noi, però il ricordo che lascia è impressionante, vedendo anche come la gente ha reagito. Rimarrà una grande milanese come tanti milanesi adottivi" ha detto Sala a margine della cerimonia, ricordando le origini modenesi della donna.

La convivenza di Francesca con la malattia è cominciata, con la diagnosi, l'8 ottobre 2018. Dopo tre operazioni e cicli di chemioterapia e radioterapia, a distanza di un anno, Fraintesa è partita per un giro del mondo in solitaria, con l'obiettivo di portare il messaggio della prevenzione in ogni tappa. Ha lanciato una raccolta fondi, ancora aperta, a favore della Fondazione Airc. Un controllo ha poi rivelato nuove metastasi ed è rientrata quindi in Italia dove si è sottoposta, da dicembre 2019, a nuovi cicli di chemioterapia. Per tutto il 2020 ha continuato a lanciare messaggi sull'importanza della prevenzione, fino alla morte.

"Purtroppo le problematiche di natura oncologica sono quasi in ogni famiglia o tra i nostri amici per cui non è mai solo un questione di cure mediche, ma anch una questione di atteggiamento e di interpretzione della malattia, motivo per cui spesso parlo di quello che mi è successo" ha osservato Sala, parlando della propria personale esperienza con la malattia. L'unico motivo per cui ne parla in pubblico, ha aggiunto il primo cittadino, è "cercare di dare un messaggio realistico che bisogna interpretare anche quei momenti della vita. Francesca l'ha fatto, ha cercato la bellezza nei momenti di dolore, ha continuato a fare la sua vita" ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli